Mafia Capitale, sequestrati altri 93 immobili all'imprenditore Guarnera

Lo rende noto la Guardia di Finanza. I beni si aggiungono ai 181 tra immobili e terreni già sequestrati all'imprenditore, tra i fidati di Carminati, nell'ambito dell'inchiesta su Mafia Capitale

Sale a 274 il numero degli immobili e dei terreni sequestrati all'imprenditore Cristiano Guarnera, arrestato il 2 dicembre scorso e considerato uomo di fiducia di Massimo Carminati, l'ex Nar del Mondo di mezzo'. Lo rende noto la Guardia di Finanza che ricorda come solo ieri sia stata data notizia del sequestro da parte delle fiamme gialle di un ingente patrimonio riconducibile allo stesso Guarnera, per un valore di stima di circa 100 milioni di euro, tra cui 181 tra immobili e terreni, in prosecuzione delle attività svolte il 2 e l'11 dicembre corso unitamente al Ros dei Carabinieri nell'ambito dell'inchiesta su Mafia Capitale. 

Ai sequestri già effettuati dunque si aggiungono altri 93 beni tra immobili e terreni, per un valore di circa 13 milioni e 350 mila euro. A far luce sul nuovo "tesoretto" dell'imprenditore è stato il Gico del Nucleo di polizia tributaria di Roma, nelle pieghe della contabilità della società Edilizia Piera S. r. l., rappresentata dal nonno di Guarnera, Angelo, di 90 anni, e le cui quote sono intestate a Cristiano Guarnera e alla nonna Maria Piera Verducci, moglie di Angelo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, sempre il Tribunale del Riesame ha confermato il carcere e l'aggravante mafiosa per Salvatore Buzzi, capo delle cooperative sociali. E' stato invece scarcerato l'ex Ad di Eur Spa Riccardo Mancini, un tempo molto vicino a Gianni Alemanno, indagato nell'inchiesta, e ritenuto a disposizione del clan. Gli incontri tra Carminati e i suoi soci sono stati 'spiati' da decine cimici piazzate dagli uomini del Ros nei locali frequentati dal 'Mondo di mezzo', primo tra tutti il bar di Vigna Stelluti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento