Cronaca

Gestiva sei case d'appuntamento: arrestata 54enne colombiana

La donna gestiva un giro di giovani ragazze straniere, per lo più connazionali, con cui spartiva 50.000 euro al mese. Cinque le case chiuse a Roma: una al Casilino, una al Nomentano, una all'Aurelio, una a Monti e una al Gianicolense

Gestiva da sola sei case d'appuntamento, cinque nella capitale e una a Cagliari. I carabinieri le stavano dietro da un anno e questa notte hanno fatto scattare il blitz che ha portato alla chiusura delle case d'appuntamento e al suo arresto.

A finire  in manette, accusata di sfruttamento della prostituzione,  una 54enne colombiana che estiva un giro di giovani ragazze straniere, per lo più connazionali, che dislocava, a seconda delle esigenze dei suoi facoltosi clienti, tra gli appartamenti. Secondo i carabinieri il giro fruttava 50.000 euro al mese che venivano spartiti al 50% tra la 54enne e le ragazze.

Al momento del blitz sono state colte in flagrante 6 ragazze colombiane, 5 delle quali con permesso di soggiorno per motivi familiari. La sesta ragazza, sorpresa con il permesso di soggiorno scaduto e non rinnovato, era gravata da un provvedimento di rintraccio ed è stata accompagnata presso il Cie di Ponte Galeria per la successiva espulsione.

Le attività delle ragazze erano pubblicizzate con inserzioni su quotidiani e siti internet. Gli appartamenti a luci rosse della Capitale si trovavano in via Savorgnan (Casilino), via Pietro Aretino (Nomentano), via Gian Francesco Albani (Aurelio), via Baccina (Monti), via Balestra (Gianicolense) ed uno a Cagliari.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestiva sei case d'appuntamento: arrestata 54enne colombiana

RomaToday è in caricamento