rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Metro A e B off limits per disabili, anziani e donne incinta

Il consigliere Pd Valeriani critica amministrazione e azienda dei trasporti per il malfunzionamento di scale mobili e ascensori che si è nuovamente verificato stamattina in diverse stazioni delle due linee metropolitane. "Disservizi dovuti alla carenza degli operatori"

Dieci stazioni inaccessibili a diversamente abili, anziani e donne in gravidanza. A denunciare "l'ennesimo" malfunzionamento degli accessi delle stazioni della Metro A e B il consigliere Pd al Comune di Roma Massimiliano Valeriani: "Anche oggi diverse fermate delle due linee sono off-limits per molti cittadini: questa mattina, infatti, risultavano inutilizzabili le scale mobili e gli ascensori delle stazioni Baldo degli Ubaldi, Colli Albani, Numidio Quadrato, Porta Furba, Lucio Sestio e Giulio Agricola lungo la Metro A e quelle di Santa Maria del Soccorso, Quintiliani, Palasport e Piramide FS sulla Metro B".

BARRIERE ARCHITETTONICHE - Consigliere Pd in Aula Giulio Cesare che lancia l'allarme: "In questo modo è a rischio l'accessibilità delle stazioni della metropolitana per le persone diversamente abili, gli anziani e le donne in gravidanza".

CARENZA PERSONALE - Disservizi ai cittadini che Valeriani imputa all'azienda dei trasporti pubblici: "Il mancato funzionamento degli impianti di risalita non è dovuto a guasti tecnici - aggiunge - ma alla carenza di operatori di stazione: senza il presidio del personale addetto, infatti, le scale mobili e gli ascensori presenti nelle varie fermate della metropolitana non possono essere attivati. Un disservizio che provoca quotidiani disagi ai viaggiatori, soprattutto nei confronti delle fasce più deboli della popolazione. Per sopperire alla carenza di personale, fino a poco tempo fa venivano impiegati gli agenti della vigilanza, che allertavano gli operatori consentendo l'attivazione degli impianti e la possibilità per i passeggeri con difficoltà motorie di entrare o uscire dalla stazione metro senza dover fare centinaia di gradini. Con la riduzione del servizio di vigilanza, invece, molte stazioni restano ora incustodite e prive di qualsiasi presidio".

ALEMANNO E I TRASPORTI - Una situazione di disagio in relazione al quale il consigliere d'opposizione in Assemblea Capitolina punta il dito contro l'amministrazione di centrodestra: "Riduzione delle agevolazioni tariffarie, aumento del costo di biglietti e abbonamenti, diminuzione dei chilometri di servizio e inaccessibilità per molte stazioni della metro: sono solo alcuni dei dati - conclude Valeriani - che testimoniano il fallimento dell'Amministrazione Alemanno nella gestione del trasporto pubblici".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro A e B off limits per disabili, anziani e donne incinta

RomaToday è in caricamento