Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Insulti omofobi al regista di "Una Famiglia": Sebastiano Riso aggredito sotto casa

L'aggressione davanti la sua abitazione all'Ostiense

Sebastiano Riso alla Mostra del Cinema di Venezia (foto Ansa Claudio Onorati)

Prima gli insulti omofobi poi l'aggressione. Vittima di due uomini il regista Sebastiano Riso, costretto alle cure dell'ospedale dopo essere stato preso di mira mentre rientrava nella sua abitazione romana in zona Ostiense. E' accaduto nel pomeriggio di ieri, con il 33enne poi costretto alle cure dell'ospedale Fatebenefratelli dove è stato refertato con una prognosi di dieci giorni con contusioni varie all'addome, alla cornea ed allo zigomo. A riferire degli insulti omofobi agli agenti di polizia del commissariato Colombo lo stesso Riso. 

Aggressione omofoba al regista Sebastiano Riso

Ad essere preso di mira con chiari riferimenti al suo ultimo film il regista di "Una famiglia", pellicola in concorso all'ultima Mostra del Cinema di Venezia. Un film in cui viene affontato il controverso tema dell'utero in affitto con un cast composto da Micaela Ramazzotti, Patrick Bruel, Fortunato Cerlino, Ennio Fantastichini e Matilda De Angelis. 

Una famiglia di Sebastiano Riso 

Il film racconta di una coppia che vive nella Capitale. Protagonisti del film sono Maria (interpretata da Micaela Ramazzotti) e Vincent (Patrick Bruel). I due vivono una vita apparentemente normale in un appartamento di Ostia. In realtà i due gestiscono però un traffico di uteri in affitto. A partorire i bambini anche la stessa Maria, con i neonati poi rivenduti clandestinamente a coppie sia etero che gay. Una visione della realtà mal digerita dai due uomini, che nel pomeriggio di lunedì hanno aggredito ed insultato il regista del film Sebastiano Riso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti omofobi al regista di "Una Famiglia": Sebastiano Riso aggredito sotto casa

RomaToday è in caricamento