Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Testaccio / Via Galvani

"Priebke Vive": scritte antisemite dopo la morte di Giulia Spizzichino

L'intervento dei Pics e dell'Ama sui muri di Testaccio dove già dopo il derby vennero cancellate scritte infamanti contro i tifosi della Roma

La scritta antisemita cancellata dai muri di Testaccio

"Priebke Vive" con una svastica accanto. Questa la scritta antisemita comparsa sui muri di Testaccio poche ore dopo la morte di Giulia Spizzichino, l'ebrea romana di 90 anni che fece estradare il criminale nazista in Italia. Sfuggita alle deportazione di Roma subito dopo l'annuncio della sua scomparsa, i soliti ignoti hanno dato vita al loro repertorio di stupidità imbrattando i muri dello storico Rione del I Municipio con offese alla memoria dell'autrice della "Farfalla impazzita",  testimonianza fondamentale contro Priebke in Italia

TESTACCIO NEL MIRINO - Oltre che la frase inneggiante al criminale nazista, altre scritte sono comparse su tutta Testaccio, in via Galvani, via Beniamino Franklin, via Aldo Manunzio e il piazzale del mercato. Scritte antisemite che, come dopo il derby, hanno riguardato anche i tifosi dell'As Roma. Cancellata anche la frase "Romanista Krusty" con disegnata una Stella di David con riferimento al clown ebreo reso celebre nella serie animata televisiva dei Simpson

RIMOZIONE DELLE SCRITTE - Notate le scritte sono state numerose le segnalazioni di sdegno arrivate agli organi competenti soprattutto da parte della Comunità Ebraica romana. Come nel caso dello scorso 5 dicembre anche ieri notte a cancellare le frasi antisemite ci hanno pensato gli agenti del Pics della Polizia Locale di Roma Capitale con l'ausilio del personale Ama. 

Romanista Krusty-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Priebke Vive": scritte antisemite dopo la morte di Giulia Spizzichino

RomaToday è in caricamento