rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Scontri Liverpool-Roma: caduta l'accusa di tentato omicidio per i due ultras della Roma

Fermato un terzo tifoso per lancio di monetine. L'avvocato Contucci: "E' presto per fare qualsiasi previsione, non ho le carte sotto mano e ho incaricato un collega inglese di seguire la vicenda"

E' caduta l'accusa di tentato omicidio per i due ultras dell'As Roma Filippo Lombardi, 20 anni, e Daniele  Sciusco, 29 anni, fermati a Liverpool in seguito agli scontri nel corso dei quali è rimasto gravemente ferito Sean Cox. A darne notizia è l'avvocato Lorenzo Contucci, difensore legale dei due supporters romani.  "E' caduta l'accusa di tentato omicidio per entrambi - ha spiegato a RomaToday il penalista del Foro Romano -. Il reato è stato derubricato in lesioni gravissime per Lombardi e in 'violent disorder', un reato che in Italia non esiste, per Sciusco. E' stato inoltre disposto che andranno a processo entro 28 giorni".

Fermati a Liverpool Filippo Lombardi e Daniele Sciusco 

In relazione al proseiguo degli accertamenti da parte dell'autorità britannica l'avvocato Contucci ha poi proseguito:  "E' presto per fare qualsiasi previsione - ha spiegato ancora il legale -. Non ho le carte sotto mano e ho incaricato un collega inglese di seguire la vicenda". In totale sono nove i tifosi della Roma fermati dalle autorità britanniche, con sette di loro accusati di reati minori quali danneggiamento, detenzione di armi ed altro. Lombardi e Sciusco hanno respinto le accuse davanti agli inquirenti inglesi. Interrogati nelle scorse ore, hanno affermato di non essere stati loro gli autori del pestaggio di Sean Cox. I due, in base a quanto riferisce il loro legale in Italia, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere in merito alle altre contestazioni.
 

Fermato un terzo tifoso della Roma

Come comunicano dalla Merseyside Police, un terzo tifoso della Roma, il 28enne Edoardo Ranalli, è stato fermato in quanto accusato di aver lanciato monetine all'Anfield Road. L'ultras della Roma è stato rinviato in custodia cautelare per presentarsi oggi alla Magistrates Court di South Sefton (giovedì 26 aprile 2018).

Ferito Sean Cox 

A lottare fra la vita e la morte Sean Cox, 53enne irlandese dirigente di una squadra locale del Galles, ferito gravemente durante gli scontri scoppiati intorno alle 19:35 locali nell'area di Venmore Street, una via laterale che si trova poco distante da un pub dove si radunano i tifosi dei Reds dalla parte della Kop, il settore più caldo dell'Anfield Road. Secondo quanto riferito da alcuni testimoni il 53enne sarebbe stato colpito duramente con pugni e cinghie per poi rovinare violentemente in terra e battere la testa. Le sue condizioni sono apparse da subito gravi, potrebbe riportare gravi danni al cervello.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri Liverpool-Roma: caduta l'accusa di tentato omicidio per i due ultras della Roma

RomaToday è in caricamento