Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Maratona, vigili in sciopero: "Protesta riuscita, oltre il 60% dei poliziotti a casa"

Stefano Giannini, segretario del Sulp: "Da domani il sindaco Marino non potrà più sottovalutare la portata delle richieste di legalità e di riconoscimento del proprio ruolo che gli provengono dai lavoratori della Polizia Locale"

"Sciopero riuscito", come previsto e annunciato nelle scorse ore. Il segretario romano del Sulpl Stefano Giannini esulta per l'alta adesione dei vigili allo stop indetto dal sindacato. "Oltre il 60% dei poliziotti locali è rimasto a casa, nonostante il tentativo del Comune di aumentare la forza lavoro per la Maratona". A lavoro per le strade del Capitale, tra maltempo e maratona, solo "il personale precettato per i servizi essenziali". 

"Sono 170 i colleghi - spiega Giannini - che hanno aderito alla protesta su circa 300 in servizio, in quanto 100 erano già precettati per i servizi minimi essenziali come le sale radio e gli incidenti stradali e quindi non potevano assentarsi". Numeri che non possono non lanciare l'allarme al sindaco Marino, "che continua a ignorare le richieste di legalità che gli provengono dai lavoratori". Che lo stop proclamato dal Sulp avrebbe messo a dura prova l'organizzazione della giornata era stato già profetizzato. Non più di qualche centinaio di iscritti sì, ma sufficienti per impedire al Comune di ricorrere agli straordinari, come previsto dalla legge. 

Sciopero che, comunque, ha creato il caos all'interno del Corpo prima ancora che se ne manifestassero gli effetti in strada, o che uscissero le cifre ufficiali di adesione. E' bastato il nervosismo e la tensione vissuta nei giorni scorsi da comandanti e dirigenti, con l'acqua nella gola nel tentativo di recuperare tutto il personale recuperabile, a far emergere chiaramente il motivo alla base delle proteste: la carenza di organico.  

"Insomma" dichiarava Giannini già ieri "siamo riusciti in quello che ci proponevamo, ovvero evidenziare che a Roma c'è un'amministrazione che sottovaluta l'importanza della sicurezza e della Polizia Locale e non ne prende in carico i problemi".

Per questo "andremo avanti con la nostra battaglia" annuncia oggi a sciopero in corso. "Non è possibile che noi chiudiamo le aziende perchè non sono in regola con i dispositivi sulla sicurezza e poi siamo i primi ad essere fuorilegge al contrario di città come Genova e Milano. Proprio venerdì inoltre è arrivata la notizia che anche a Messina è stato riconosciuto il ruolo che svolge la Polizia Locale negli eventi che coordina la Questura. Perchè a Roma è così difficile?". 

"Da domani il sindaco Marino - conclude il sindacalista - non potrà più sottovalutare la portata delle richieste di legalità e di riconoscimento del proprio ruolo che gli provengono dai lavoratori della Polizia Locale, se non è in grado di darle torneremo a ricordarglielo con altre proteste".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maratona, vigili in sciopero: "Protesta riuscita, oltre il 60% dei poliziotti a casa"

RomaToday è in caricamento