Cronaca

Scuola e università: gli studenti scendono in piazza

Si proseguirà poi il sabato, quando la scuola scenderà in piazza a fianco dei lavoratori del settore pubblico della Cgil. "Il mondo ride della Gelmini e a noi crollano le scuole addosso"

Comincia l'autunno caldo della scuola. Venerdì 7 ottobre, gli studenti scenderanno in piazza a Roma "contro un ministro e un governo che hanno distrutto il nostro presente e il nostro futuro". La giornata di mobilitazione è promossa dalla Rete degli studenti e dall'Unione degli universitari.

"Siamo stanchi - spiegano in una nota le due associazioni studentesche - di dover stare alla finestra, di essere considerati l'ultima ruota del carro da questo Governo, ora vogliamo contare. Scenderemo in piazza per mandare a casa questo ministro che non sa far altro che distruggere le nostre scuole, con tagli trasversali, e prendere in giro chi la scuola la vive ogni giorno fornendo dati falsi come quello sulle bocciature, solo per avvalorare la propaganda che in questi anni ha portato avanti sulla scuola del rigore e merito, o non pubblicandone altri, come l'anagrafe sull'edilizia scolastica di cui ancora non abbiamo notizie.

Mentre tutto il mondo ride per la gaffe del tunnel dei neutrini, le nostre scuole - proseguono Rete e Udu (unione degli universitari ndr) - continuano a crollarci addosso, un edificio su 3 non è a norma e non ci sono tracce di investimenti, sempre più studenti non riescono ad accedere all'istruzione a causa dei costi altissimi a carico di studenti e famiglie o abbandonano la scuola a per provvedimenti inutili e dannosi come il limite di assenze o il voto di condotta".

Rete e Udu voglion ricordare "il drammatico taglio del 95%, voluto da questo Governo, del fondo nazionale per le borse di studio". "Crediamo che lo smantellamento della scuola e dell'università pubblica siano un pezzo del disegno generale di questo governo di distruzione dello stato sociale e del concetto stesso di pubblico. E' per questo che l'8 ottobre - concludono le due associazioni - saremo ancora in piazza, a Roma con pullman di studenti che partono da tutte le città d'Italia, a fianco dei lavoratori del settore pubblico della Cgil, per ribadire che senza pubblico non c'é nessun futuro!".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola e università: gli studenti scendono in piazza

RomaToday è in caricamento