Cronaca

Sciopero a Roma: fermi bus, metro e tram. Gli aggiornamenti in diretta

Mobilitazione dei lavoratori Atac e Roma Tpl aderenti ai sindacati Orsa, Faisa Confail, Usb e Fast Confsal

Sciopero a Roma. E' iniziato questa mattina alle 8:30 il primo venerdì di passione di questo 2018. Anno nuovo ma mobilitazione vecchia, lo sciopero di oggi è infatti quello che è stato differito lo scorso 5 dicembre. Ad incrocialare le braccia i lavori di Roma Tpl ed Atac aderenti ai sindacati Orsa, Faisa Confail, Usb e Fast Confsal.

Sciopero Atac 12 gennaio 2018

Assicurato il servizio nelle fasce di garanzia (dalle 5:30 alle 8:00 e dalle 17:00 alle 20:00), lo sciopero si protrarrà dalle 8,30 alle 17 e poi dalle 20 a fine servizio diurno. A rischio stop bus, filobus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo e le linee periferiche gestite da Roma Tpl. 

Quale è la situazione dei mezzi in città

Metro A: chiusa 
Metro B: chiusa 
Metro B1: chiusa 
Metro C: servizio regolare 
ROMA-LIDO: chiusa
TERMINI-CENTOCELLE: attiva con possibili riduzioni di corse
ROMA-VITERBO: attiva con possibili riduzioni di corse
BUS E TRAM: possibili riduzioni di corse

Adesione alla sciopero del 12 gennaio 2018

Come informano dai Servizi per la Mobilita, l'adesione del personale Atac alo sciopero del trasporto pubblico, rilevata alle 10:30, è stata pari al 23 per cento. A partire dalle 17:00 le corse di metro, tram, bus e treni in superficie sono stati riattivate per le fasce di garanzia sino alle 20:00. Poi il prosieguo dello sciopero sino a fine servizio. 

Il servizio Atac durante lo sciopero

Come informa l'azienda sul proprio sito il servizio sulla rete Atac (bus, tram, metropolitane, ferrovie regionali Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo) non sarà garantito sulle linee notturne (linee da N1 a N28 e, per la fascia 0.01-5.30 linea 913) nella notte tra l'11 gennaio e il 12 gennaio. Stop quindi dalle ore 8.30 alle ore 17 e dalle ore 20 al termine del servizio diurno. Nelle stazioni delle linee metroferroviarie che, eventualmente, resteranno aperte, non sarà garantito il servizio di scale mobili, montascale, ascensori. Non sarà garantito il servizio delle biglietterie Atac

Autobus delle linee periferiche a rischio

Nella stessa giornata sciopero di 24 ore indetto dai sindacati Fast e Usb, per la società RomaTpl. Servizio non garantito dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 al termine del servizio. Ecco tutte le linee a rischio per questo secondo sciopero:  08, 011, 013, 013D, 017, 018, 022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 035, 036, 037, 039, 040, 040F, 041, 041F, 042, 044, 048, 049, 051, 053, 054, 055, 056, 057, 059, 066, 078, 086, 088, 088F, 135, 146, 213, 218, 226, 235, 314, 339, 340, 343, 344, 349, 404, 437, 441, 444, 445, 447, 502, 503, 505, 543, 546, 548, 552, 555, 557, 657, 660, 663, 665, 701, 701L, 702, 703L,710, 711, 720, 721, 763, 764, 767, 771, 775, 777, 778, 787, 789, 808, 889, 892, 907, 908, 912, 982, 985, 992, 993, 998, 999, C1, C6, C8, C19. 

Disattivate le Ztl 

Le Zone a traffico limitato diurne del Centro e di Trastevere non saranno attive. Il transito sarà quindi consentito anche ai veicoli sprovvisti di permesso. La decisione è stata presa dall'Amministrazione per agevolare la mobilità durante lo sciopero del trasporto pubblico

"Lo sciopero rispetta le regole"

Con riferimento allo sciopero del trasporto pubblico locale del personale Atac a Roma di oggi 12 gennaio, l'Autorità di garanzia per gli scioperi comunica che, "allo stato, questo risulta formalmente proclamato nel rispetto delle regole previste dalla legge e dalla disciplina di settore". Va, inoltre, ricordato, si legge in una nota, "che si tratta della prima astensione dopo il 10 novembre, dal momento che tutti gli scioperi proclamati successivamente a tale data sono stati oggetto di rinvio e/o di precettazione, grazie ad un lavoro di stretta collaborazione istituzionale tra l'Autorità e la Prefettura ed anche al senso di responsabilità dimostrato dalle organizzazioni sindacali nei giorni precedenti le festività natalizie che accogliendo gli inviti a differire le agitazioni, hanno scongiurato notevoli disservizi ai cittadini ed utenti del servizio". 

Nuova regolamentazione nazionale 

L'Autorità ricorda che "sta lavorando, come noto, a predisporre una nuova regolamentazione nazionale del trasporto pubblico locale, tesa, in particolare, ad allungare significativamente gli intervalli tra gli scioperi e che, in ossequio ai tempi dettati dalla legge, potrà verosimilmente entrare in vigore nei primi mesi dell'anno"

Sciopero, oggi a Roma metro e bus a rischio: tutte le informazioni

Perché c'è sciopero oggi? Spesso le notizie di servizio nascondono le ragioni dello sciopero. Usb (Unione Sindacale di Base) ha spiegato i motivi dello stop in un comunicato. "Scioperiamo", spiega Usb, "in assoluto dissenso nei confronti del Concordato e a conferma della tesi che con l’accordo sottoscritto da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Faisa Cisal il 27 novembre 2017, si affossa ineluttabilmente e definitivamente l’ATAC in una crisi complessiva e irreversibile, a danno della vita lavorativa dei dipendenti. La messa all’asta degli immobili di proprietà al miglior offerente, senza nemmeno modificarne la destinazione d’uso, non contribuirà al risanamento del debito e sarà una goccia nel mare, mentre l’inserimento delle 39 ore aumenterà lo stress psicofisico del personale operativo, aggravandone le già precarie condizioni lavorative e non servirà né al risanamento economico societario, né migliorerà l’efficienza del servizio". [leggi qui il comunicato completo] 

Le informazioni sullo sciopero dei mezzi pubblici del 12 gennaio a Roma

Lo sciopero di oggi è quello rinviato lo scorso 5 dicembre. L'agitazione del 12 gennaio infatti avrebbe dovuto svolgersi lo scorso 5 dicembre ma venne differita dai sindacati su richiesta del Prefetto di Roma. La richiesta fu motivata anche in previsione dell’incremento dei flussi turistici in prossimità delle feste natalizie.

Sciopero a Roma il 12 gennaio 2018: le motivazioni 

Una decisione, quella di differire lo sciopero che aveva provocato l'indignazione dei sindacati: "Riteniamo che a Roma ormai si è in piena emergenza democratica. È del tutto evidente che, attraverso motivazioni del tutto pretestuose, si lede un diritto costituzionale nel totale silenzio di tutte le forze politiche ed istituzionali" denunciano ancora i sindacati. "Ai lavoratori di Atac e Roma TPL viene di fatto impedito di esprimere il proprio dissenso nei confronti di una soluzione, quella del concordato preventivo, che, attraverso un piano industriale vergognoso, scarica su salari e sulla salute dei lavoratori tutto il peso di un possibile (ed illusorio per noi) rientro dai debiti provocati da anni di saccheggio aziendale perpetrato dal noto sistema politico/sindacale". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero a Roma: fermi bus, metro e tram. Gli aggiornamenti in diretta

RomaToday è in caricamento