rotate-mobile
Cronaca

Ama e il bilancio bloccato, sindacati in protesta: sarà sciopero lunedì 5 novembre

Braccia incrociate per i lavoratori Ama. Stop ai servizi di pulizia per 24 ore

Sciopero dei dipendenti Ama lunedì 5 novembre. I sindacati territoriali del comparto di Igiene Ambientale Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel hanno proclamato per l'intera giornata lo stop delle attività di pulizia della città. Si parte con il primo turno mattutino e si finisce alle 4 e 30 della mattina del giorno successivo. 

Saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali e le prestazioni indispensabili, come da normativa: pronto intervento a ciclo continuo; raccolta pile, farmaci e siringhe abbandonate; pulizia mercati; raccolta rifiuti prodotti da Case di Cura, Ospedali, Caserme, Comunita' recupero tossicodipendenti, ecc. Assicurata anche la pulizia - compreso lo svuotamento dei cestini - di alcune aree di grande interesse turistico-artistico della città. 

Il braccio di ferro tra organizzazioni sindacali e azienda va avanti oramai da settimane. La ragione principale della mobilitazione è il mancato via libera al bilancio, senza il quale non si può procedere con le assunzioni di ulteriore personale. Il documento contabile è appeso a un credito vantato dal Comune di 18 milioni di euro per servizi nei cimiteri effettuati dall'azienda. Sul punto l'assessore al bilancio Gianni Lemmetti vuole vederci chiaro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ama e il bilancio bloccato, sindacati in protesta: sarà sciopero lunedì 5 novembre

RomaToday è in caricamento