Cimitero Prima Porta, scambio di bare: cremato il morto sbagliato

E' accaduto il 21 aprile. La confusione sarebbe scaturita dal fatto che i due defunti avevano lo stesso nome e cognome. Ama: "Errore umano, non è stata controllata la data di nascita". Aperta un'inchiesta

Uno scambio di bare. Un defunto cremato nonostante i familiari avrebbero preferito seppellirlo in un loculo. E' quanto accaduto giovedì scorso, il giorno del Natale di Roma, al cimitero di Prima Porta, l'unico nella Capitale attrezzato per questa procedura. Lo racconta il Corriere della Sera. Secondo quanto ricostruito la confusione sarebbe scaturita dal fatto che i due morti avevano lo stesso nome, Sergio, e cognome. Anche nella data di nascita c'erano delle similitudini: 90 anni, 92 l'altro, erano nati entrambi in agosto e deceduti nei giorni scorsi, in aprile.

Così nel forno crematorio è finita la bara sbagliata. A far sì che gli operatori si accorgessere dell'errore, scrive il Corsera, la "fiammata diversa, resa più luminosa dal metallo, in quanto il feretro conteneva la protezione di zinco". Una notizia drammatica per i familiari che "stati così costretti a disperdere le ceneri del loro caro nel Giardino dei Ricordi, i tre ettari di collina alberata accanto al cimitero di Roma nord, che con i suoi 140 ettari e i 37 chilometri di strade interne è il più grande d’Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ama, che gestisce il cimitero, ha comunicato la sua posizione in una nota: "Il 21 aprile una grave inadempienza delle procedure di controllo ha fatto sì che venisse avviata a cremazione la salma errata. Si è trattato di errore umano, in quanto gli operai in servizio hanno controllato la tabella con il nome e cognome, senza verificare la data di nascita". La famiglia è stata avvertita immediatamente e presso i carabinieri della stazione Cassia è stata depositata una denuncia. "C’è costernazione e indignazione per l’accaduto - conclude la nota - L’azienda sarà inflessibile nel perseguire i responsabili della colpevole negligenza, nei confronti dei quali è stato avviato procedimento disciplinare, mentre una specifica commissione è al lavoro per rivedere le procedure previste". Ama si farà carico di tutte le spese.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono venti in totale nel Lazio. I dati Asl del 7 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento