rotate-mobile
Cronaca

Sassi e piombini contro i bus, a via Candoni è emergenza: gli autisti hanno paura

"Sono decine e decine gli atti vandalici che si sono consumati solo nei primi mesi di quest'anno", scrive in una nota Laura Corrotti, consigliere Lega alla Regione Lazio

Torna la paura in via Candoni. Nelle ultime ore la conta di autobus danneggiati da sassaiole o da piombini sparati con pistole ad aria compressa è di nuovo salita. Sono 34 i mezzi danneggiati in un mese, ben 44 da inizio anno, due soltanto ieri, martedì 17 agosto. I macchinisti Atac hanno paura e, stando ad una ricostruzione fatta da RomaToday, la loro versione è che questi atti vandalici siano una sorta di ritorsione contro l'azienda che ha implementato il servizio di vigilanza nel deposito che quasi confina con il vicino campo rom. Un 'Grande Fratello' che non sarebbe andato giù a qualcuno tanto che i lavoratori stando parlando con Atac per cercare di ottenere una attenzione maggiore da parte del Prefetto. 

"Aspettate il morto mentre parlate di sicurezza?"

Nelle ultime ore a denunciare la situazione di paura, è tornata anche la candidata sindaca per il Partito Comunista Micaela Quintavalle, ex autoferrotranviere e sindacalista, che chiede provvedimenti urgenti per porre fine a questo scellerato e pericolosissimo fenomeno: "Sono sempre i delinquenti del campo di via Candoni. Non so se vi rendete conto,bastavano 10 centimetri con il vetro aperto e la testa dell'autista come bersaglio era presa di netto! Aspettate il morto mentre parlate di sicurezza?". Dice postando le immagini delle vetture in frantumi e di una pietra che, sfondando un finestrino, ha arrestato la sua corsa su un sedile.

Candoni1-2

Bus deviati temporaneamente

Nel frattempo ieri sera, dopo l'ennesima e ultima protesta, la polizia locale ha sbarrato la strada. Gli agenti dell'XI Gruppo Marconi hanno presidiato l'ingresso sul lato di via Candoni, chiuso la strada, e gli autobus delle linee 981 e 128, per la sicurezza degli autisti, sono stati temporaneamente dalle 22 in poi lungo via Monte Cocco prima di tornare nella rimessa. Una precauzione in più per un problema che, però, necessita di una soluzione a lungo termine. 

"Fallimento del 'piano Rom' della Raggi"

"Sono decine e decine gli atti vandalici che si sono consumati solo nei primi mesi di quest'anno e che hanno danneggiato gli autobus in entrata e in uscita dal deposito Atac di via Candoni. - ha commentato con una nota Laura Corrotti, consigliere Lega alla Regione Lazio - Gli autori, quasi sempre, provengono dal vicino campo rom che non permette ai dipendenti di lavorare con serenità. Una situazione che abbiamo già denunciato durante una visita nel deposito Atac insieme a Matteo Salvini e, nei giorni successivi, in un sopralluogo proprio all'interno della baraccopoli. Quelli dei mezzi danneggiati sono numeri sconcertanti e che sottolineano ancora una volta il problema sicurezza nella Capitale e il fallimento del 'piano Rom' della Raggi che a pochi giorni dalla fine del suo mandato lascia in eredità alla città una situazione del tutto precaria".

Candoni2-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sassi e piombini contro i bus, a via Candoni è emergenza: gli autisti hanno paura

RomaToday è in caricamento