Massi e lastre di marmo contro l'auto dei carabinieri, il vandalo di Villa Pamphili incastrato dal Dna

L'uomo è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio

L'auto dei carabinieri danneggiata da massi e lastre di marmo lanciate dal 29enne

Una pioggia di massi e lastre staccati da una targa toponomastica e alcune panchine di marmo. E' quanto si sono visti scagliare contro la notte del 28 aprile due carabinieri in servizio a Villa Pamphili. A vedersela brutta un equipaggio composto da un maresciallo maggiore e un vice brigadiere della Sezione di archeologia, un calabrese e un laziale, entrambi padri di famiglia. 

I fatti mentre la pattuglia era in passaggio sull’Aurelia Antica, costeggiando la storica Villa Doria Pamphili dove i due militari del Reparto operativo TPC sono stati aggrediti con conseguenze che potevano essere letali.

La sequenza è stata impressionante anche per la sua rapidità. Solo la loro prontezza di riflessi ha consentito ai due militari di sottrarsi a quella “pioggia di pietre” che ricorda il titolo di un film di Ken Loach. L’auto di servizio, una Opel Astra, è stata il bersaglio perfettamente centrato. Gli oggetti, giungendo sul lato destro, ne hanno devastato la fiancata, il tettuccio e il parabrezza anteriore. 

Nei giorni successivi l’autore dell’agguato è stato identificato. Rintracciato in collaborazione con gli agenti del gruppo XII della Polizia locale di Roma Capitale, è stato fermato anche per danneggiamento del patrimonio storico e artistico e porto di arma bianca. 

Non era senza peccato: aveva precedenti per numerosi atti vandalici e altri reati commessi con l’uso della violenza. Eppure di pietre ne ha scagliate parecchie, anche di notevole peso.

Il servizio svolto dai Carabinieri era diretto al contrasto dei danneggiamenti. Dall’inizio del 2020 e sino al fermo del 29enne, all’interno di Villa Doria Pamphili si erano registrati quelli di ventisei targhe toponomastiche, tre statue, due vasi secolari. L’ultimo gesto, avvenuto in aprile, aveva visto spezzati i gigli della Fontana del Cupido.

Completati gli accertamenti sull’aggressione, il Reparto operativo TPC ha inoltrato alla Procura di Roma un’informativa da cui si traevano gli elementi per delineare il tentato omicidio. Grazie ai rilievi dei carabinieri del Ris di Roma, inoltre, è stata accertata la corrispondenza tra un campione di sangue presente su un frammento marmoreo risalente all’agguato del 28 aprile e quello prelevato in occasione di un  altro reato. In entrambe le circostanze il giovane si è tagliato e così il suo DNA lo ha tradito. 

Il lanciatore di pietre è stato raggiunto da una misura cautelare che, essendo egli senza fissa dimora, ha tenuto conto del pericolo di fuga. Si trova adesso a Regina Coeli.          

Tentato omicidio: è questa l’accusa rivolta nel decreto di fermo emesso dal Pubblico ministero Pietro Pollidori della Procura della Repubblica di Roma nei riguardi di un 29enne di origine romena, dimorante nel parco della Villa.   

"Ringrazio i carabinieri del Reparto Operativo Tutela Patrimonio Culturale e gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale per aver assicurato alla giustizia il presunto responsabile di questo vergognoso episodio - le parole della Sindaca Virginia Raggi -. Villa Doria Pamphilj è da tempo teatro di vandalismi e reati contro il patrimonio culturale di Roma. Sono stati distrutte più volte le targhe toponomastiche dei viali, alcuni busti di personaggi famosi e addirittura è stata danneggiata una fontana di alto pregio artistico. Per questo il lavoro di pattugliamento svolto ogni giorno dai militari dell’Arma è fondamentale. Voglio ringraziare anche Marco Doria, presidente del Tavolo di coordinamento per Villa Doria Pamphilj, per la sua partecipazione attiva nella cattura del criminale e per il suo impegno costante nella cura e tutela di una delle ville storiche più belle e importanti della nostra città".

La tutela del patrimonio culturale è un’attività che nei secoli ha visto schierati artisti e intellettuali di grande rilievo: Raffaello fu Prefetto alle antichità di Roma all’inizio del Cinquecento, Antonio Canova andò a Parigi per recuperare le opere sottratte da Napoleone, Ugo Ojetti censì i beni devastati dalla Grande Guerra.

La Costituzione l’ha voluta fortemente all’articolo 9, un decreto del 1969 l’ha affidata ai Carabinieri. È un’attività che fa viaggiare, perché i traffici d’arte non si fermano ai confini. Fa pure studiare parecchio, perché il suo campo d’indagine tocca l’arte e la storia, comprende ricerche d’archivio e approfondimenti sugli stili e le biografie dei grandi Maestri. A volte, però, nelle sue pieghe si annida il pericolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella “fase 1” dell’emergenza Coronavirus i carabinieri del comando Tutela Patrimonio Culturale (TPC) si sono dedicati ai controlli compatibili con il periodo. Monitoraggio del web, dove crescono le compravendite illecite, itinerari notturni a toccare i luoghi della cultura in cui si trovavano opere importanti, magari confluite per mostre sospese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento