Sant'Egidio: "A Roma 30mila bambini in povertà assoluta"

Le stime dell'assessorato al Sostegno sociale e alla Sussidiarietà nel terzo rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio nel 2013 presentato questa mattina. In 37 mila soffrono l'indigenza alimentare

A Roma 30 mila bambini vivono in povertà assoluta. Sono le stime dell'assessorato al Sostegno sociale e alla Sussidiarietà del Comune contenute nel terzo rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2013 realizzato dalla comunità di Sant'Egidio e presentato questa mattina 13 febbraio nella Capitale. Al rapporto si aggiunge il nuovo, drammatico dato del Censis secondo cui nel Lazio i bambini che soffrono di indigenza alimentare sono 37 mila, pari all'8,69% del totale. Un dato che colloca la Regione al quarto posto in Italia, dietro Campania, Sicilia e Lombardia.

"Per contrastare la povertà dei bambini è necessario aiutare e incoraggiare le famiglie" spiega Sant'Egidio nel rapporto "ed è altrettanto necessario promuovere la creazione di un tessuto sociale nei quartieri che possa creare un ambiente protettivo intorno ai bambini. La crisi economica trasforma anche le abitudini e gli stili di vita. Si risparmia sul cibo e sulle cure mediche. Ne è riprova l'aumento della distribuzione di generi alimentari nelle strutture caritative, ma anche quello di farmaci. Il Banco farmaceutico ha distribuito agli enti di volontariato 8 milioni di farmaci in Italia nel 2013, mentre erano 2 milioni nel 2007".

Secondo il rapporto, "nella Capitale vivono 910mila minori ma non esistono adeguate reti di supporto per le famiglie. Tale assenza di reti, parentali in primo luogo, ma anche amicali e di vicinato, che rappresentano la prima risorsa delle famiglie italiane, non sempre ha potuto trovare sostegno in un'offerta di servizi pubblici spesso inadatta a rispondere ai nuovi bisogni. Pensiamo solo alla carenza di posti negli asili nido: secondo i dati dell'Agenzia per la qualità di Roma Capitale una famiglia su 3 che ne fa richiesta viene esclusa. La domanda non può essere elusa, anche tenendo presente che nel Lazio una donna su due (48 per cento) ha un impiego lavorativo, valore superiore di 10 volte alla media nazionale".

I DATI SUI ROM - Secondo Sant'Egidio tra i bambini deprivati non vanno, inoltre, dimenticati i minori rom. "Il progetto nazionale per l'inclusione dei bambini e delle famiglie rom può finalmente favorirne l'integrazione scolastica e l'inclusione sociale, sostenendo il necessario confronto e la diffusione di esperienze significative di lavoro e valorizzando le stesse esperienze locali. A Roma e nel Lazio la presenza di rom è stabile: si tratta di 8.000/8.500 persone (circa 10.000/11.000 quelli presenti nel Lazio), un quinto dei quali sono italiani a tutti gli effetti. Il rapporto sottolinea come alcuni gruppi si siano stabiliti progressivamente anche nei comuni della provincia più vicini alla Capitale.

In maniera non del tutto programmata la provincia si è fatta carico dell'accoglienza delle famiglie allontanate dalla periferia romana. D'altronde a Roma i rom sono stati per anni oggetto di politiche di natura emergenziale, nonostante presenze numericamente costanti e per due terzi socialmente radicate che, alla fine, non hanno soddisfatto pienamente neanche coloro che le avevano elaborate. Le domande di integrazione sono state in sostanza eluse favorendo quelle sulla dislocazione dei campi nella Capitale, soprattutto concentrandoli in periferia fuori dal Gra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre i rom desiderano sempre più integrarsi. "Lo si vede nella risposta sostanzialmente positiva che le famiglie danno alla prospettiva di dover intraprendere itinerari lunghi in materia di regolarizzazione amministrativa, accesso alla casa popolare o prevenzione sanitaria. I rom nella città e nella regione sono meno 'nomadi' di ieri. Frutti buoni sul fronte dell'integrazione potranno essere raccolti se alle semplificazioni dei pregiudizi subentrerà l'incontro tra persone, famiglie e istituzioni alle prese con i problemi di tutti: la scuola, l'ospedale, la spesa, la ricerca del lavoro o della casa". Il rapporto riporta infine alcuni interessanti esempi sperimentati con le popolazioni rom e sinti attraverso l'inserimento di famiglie nei piani comunali di edilizia residenziale pubblica, e l'inserimento scolastico anche se è ancora raro vedere ragazzi rom alle scuole superiori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento