Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Sanità: l'inchiesta si allarga alle Asl, si indaga sugli appalti

Dai pronto soccorso alle Asl: la procura indaga sugli ospedali e allarga il filone alla gestione delle Asl. Alla base degli accertamenti ci sono esposti e denunce di cittadini e operatori

Si torna a parla ancora della sanità romana che, negli ultimi tempi, non sta vivendo giorni felici a causa dei diversi scandali emersi sul funzionamento e i problemi dei pronto soccorso in città.

INDAGINI SULLE ASL - L'inchiesta della procura, aperta poco meno di un mese fa e riguardante tutti i pronto soccorso della Capitale, continua ad allargarsi e questa volta punta il mirino sulla gestione di alcune Asl e dipartimenti ospedalieri. Alla base degli accertamenti ci sono una serie di esposti e denunce da parte di cittadini, ma anche di operatori del settore sanitario. Al vaglio degli inquirenti non solo le carenze strutturali e di organico, ma anche riferimenti ad appropriazioni e dispersione di risorse, nonché a modalità di assegnazione di appalti poco chiare.

PRONTO SOCCORSO - Nel frattempo proseguono gli accertamenti dei pm Elisabetta Ceniccola e Rosalia Affinito, i titolari dell'inchiesta sui pronto soccorso, che proseguono nell'esame della documentazione raccolta e nell'audizione di testimoni. Anche in questo caso si punta ad accertare se dietro le carenze delle strutture ci siano illecite gestioni delle risorse. Il fascicolo sui casi di malasanità romana è stato aperto il 16 febbraio scorso, in seguito alle immagini pubblicate da alcuni giornali di un paziente medicato a terra nel pronto soccorso del San Camillo.

NAS NEGLI OSPEDALI - Da allora i carabinieri del Nas hanno passato al setaccio gli ospedali di tutta la Capitale, raccogliendo dati e documenti e riscontrando, nella maggior parte delle situazioni, un problema di sovraffollamento. Lo stesso che, quattro giorni dopo, diede vita al caso eclatante di una donna lasciata per quattro giorni legata ad una barella nel pronto soccorso dell'Umberto I. L'episodio venne portato alla luce grazie al blitz 'bipartisan' dei due senatori Marino e Gramazio e costò la sospensione per tre mesi ai due dirigenti del Dea. In sofferenza, però, non sono solo gli ospedali romani, ma anche quelli di tutto il Lazio. Ieri la commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari ha visitato l"Angeluccì di Subiaco rilevando diverse criticità che ora saranno sottoposte al presidente della Regione Lazio Renata Polverini.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: l'inchiesta si allarga alle Asl, si indaga sugli appalti

RomaToday è in caricamento