Cronaca

Giovane morto durante la partita: condannato il commissario Lega dilettanti Lazio

Il 2 Febbraio 2008 un 14enne morì dopo aver sbattuto violentemente contro la maniglia, non protetta, di un tubo d'irrigazione. Sandro Silvestri aveva dato il nulla osta all'omologazione del campo

Un anno e mezzo di reclusione per Sandro Silvestri, il commissario della Lega nazionale dilettanti del Lazio che diede il nulla osta all'omologazione del campo di calcio dove, il 2 febbraio 2008 durante una partita, morì Alessandro Bini, di soli 14 anni. Il giovane, in forza al “Cinecittà Bettini”, andò a sbattere violentemente con il torace contro una maniglia di un tubo di irrigazione del campo sprovvisto di copertura in gommapiuma e morì.

La sentenza per Silvestri, che era sotto processo per omicidio colposo e falsa attestazione di fatto perchè avrebbe omologato le dimensioni del campo di calcio pur non essendo queste ultime rispondenti a quanto previsto da regolamento e per il quale il pm Giuseppe Cascini aveva chiesto una condanna a tre anni e otto mesi di reclusione, è stata emessa dal giudice monocratico Annamaria Planitario.
Inizialmente indagato per la stessa vicenda, fu anche Attilio Massolo, presidente e legale rappresentante dell'Almas Roma, società proprietaria del campo, deceduto nei mesi scorsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane morto durante la partita: condannato il commissario Lega dilettanti Lazio

RomaToday è in caricamento