rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Cronaca

San Pietro, arrestato il "predone" delle Smart

L'uomo, 21 anni, prendeva di mira lo specifico modello di auto usando sempre la stessa, collaudata tecnica: un'antenna infilata nel montante per forzare lo sportello. A segnalarlo al 112 un residente

Si concentrava sulle Smart parcheggiate in strada, forzandole con una tecnica ormai collaudata. Alla fine il “predone” è stato però individuato e fermato dai carabinieri, grazie anche al contributo di un cittadino che ha immediatamente chiesto aiuto.

Il modus operandi del ladro, un 20enne di origini egiziane, era sempre lo stesso: dopo avere staccato l’antenna la infilava nel montante superiore delle Smart cercando di aprire lo sportello, in modo da entrare nell’abitacolo e rubare tutti gli oggetti di valore. Due le auto prese di mira nel giro di meno di un’ora in zona San Pietro, cui si è aggiunta anche una bicicletta che non è riuscito a rubare, pur provando a forzare il lucchetto.

A segnalare quello che stava accadendo è stato un residente della via in cui le auto erano parcheggiate, che ha visto un uomo vestito interamente di nero armeggiare vacuino a una Smart. Ha chiamato il 112 e descritto la scena ai carabinieri, che nel giro di poco tempo hanno inviato una pattuglia sul posto.

I militari hanno subito individuato una persona che corrispondeva alla descrizione e che stava tentando di forzare una Smart. Dai controlli è emerso che il 21enne risultava evaso da una comunità di Alessandria, dove era stato mandato dopo una condanna per rapina a mano armata.

Portato in caserma, giovedì mattina è stato sottoposto a direttissima: per lui il pubblico ministero Gianluca Mazzei ha chiesto il carcere, misura che il giudice ha accordato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Pietro, arrestato il "predone" delle Smart

RomaToday è in caricamento