Cronaca San Basilio / Via Recanati

San Basilio, scoperto laboratorio clandestino dove veniva raffinata la cocaina

L'arrestato, accusato di detenzione ai fini di spaccio, è stato trattenuto in camera di sicurezza per essere sottoposto questa mattina al rito direttissimo presso le aule del Tribunale

Aveva trasformato una cantina in via Recanati in un laboratorio dove raffinava la cocaina. A scoprirlo nella periferia di Roma, a San Basilio, sono stati carabinieri che hanno anche arrestato un uomo di 24 anni di origini calabresi. Il box era stato trasformato in un piccolo opificio dove dalla cocaina pura venivano ricavate le dosi da immettere sul mercato, con tanto di presse, una idraulica e una pneumatica, fornetto essiccatore, macchina per il vapore che serviva da collante per la polvere tagliata e tutto il materiale necessario per il confezionamento.

I militari stavano transitando in via Recanati quando hanno notato l'uomo confabulare con un’altra persona e lo hanno fermato. Originario della provincia di Reggio Calabria, con precedenti, in tasca i carabinieri gli hanno trovato una chiave che si è scoperto aprire la porta di una cantina in disuso nella stessa strada.

Perquisito il locale, sono stati rinvenuti 1,084 chili di sostanza stupefacente del tipo cocaina purissima che una volta tagliata avrebbe fruttato circa 2,5 chili da cui, secondo i prezzi delle dosi a San Basilio, si sarebbero potuti ricavare più di 150.000 euro. 

L'arrestato, accusato di detenzione ai fini di spaccio, è stato trattenuto in camera di sicurezza per essere sottoposto questa mattina al rito direttissimo presso le aule del Tribunale. Al termine dell'udienza di convalida, il giudice ha disposto per lui la custodia cautelare in carcere in attesa del giudizio.

Il laboratorio della cocaina scoperto dai Carabinieri a San Basilio (2)-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Basilio, scoperto laboratorio clandestino dove veniva raffinata la cocaina

RomaToday è in caricamento