rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Cronaca

Alessia Sbal, dolore senza fine. Rubato lo striscione sul raccordo che ricordava la donna travolta e uccisa

La mamma di Alessia Sbal: "Un tizio ha avuto l ardire di strappare il cartellone di mia figlia"

Qualcuno ha rubato lo striscione dedicato ad Alessia Sbal sul grande raccordo anulare. A denunciarlo è la mamma della donna che, su Facebook, ha scritto un post carico di rabbia: "Riportatelo al loro posto", l'appello.

Secondo quanto appreso, la famiglia si sarebbe informata sia con Anas che con la polizia stradale. Nessuno di loro l'avrebbe rimosso. "Su quel manifesto c'era il sorriso di mia figlia. Il 23 ero andata a portare i fiori. Il 25 era già sparito". Qualcuno, secondo la mamma, avrebbe agito nella notte.

Alessia è stata travolta e uccisa da un tir la sera del 4 dicembre mentre si trovava sul raccordo anulare. La 43enne era stata tamponata poco prima da un camion che però aveva continuato la sua corsa. Testimone di quanto accaduto un'amica. Il camionista accusato di averla uccisa non si è fermato ed ed è andato via. È stato rintracciato qualche giorno dopo e arrestato. La famiglia continua a cercare testimoni ritenendo che non si sia trattato di un incidente mortale, ma di un omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessia Sbal, dolore senza fine. Rubato lo striscione sul raccordo che ricordava la donna travolta e uccisa

RomaToday è in caricamento