Cronaca

Ruba in casa dell'amico e chiede riscatto: 500 euro per avere i documenti indietro

Purtroppo per lui, a quell'appuntamento, si sono presentati i Carabinieri che, grazie alla segnalazione di un parente della vittima, lo hanno bloccato prima che avvenisse lo scambio

Un riscatto di 500 euro. Tanto ha chiesto ad un amico, sua vittima. Alcuni giorni fa, l'uomo, 60enne, approfittando dell'amicizia che lo legava alla vittima, si è presentato a casa di quest'ultimo e, approfittando di un momento di distrazione, gli ha rubato il libretto postale della pensione ed i documenti d'identità.

Nella mattinata di ieri, tentando una vera e propria estorsione, ha contattato telefonicamente il suo amico e offrendogli la possibilità di tornare in possesso del maltolto previo pagamento di 500 euro in contanti, dandogli appuntamento alla consegnargli alla stazione ferroviaria di Bracciano per la consegna del riscatto.

Purtroppo per lui, a quell'appuntamento, si sono presentati i Carabinieri che, grazie alla segnalazione di un parente della vittima, lo hanno bloccato prima che avvenisse lo scambio. Durante la perquisizione, il 60enne è stato trovato in possesso di tutti i documenti rubati e di una pistola giocattolo, priva di tappo rosso.

La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita alla vittima e il suo amico è stato arrestato e posto ai domiciliari in attesa di processo. L'accusa è di furto in abitazione e tentata estorsione ai danni di un anziano del posto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba in casa dell'amico e chiede riscatto: 500 euro per avere i documenti indietro

RomaToday è in caricamento