Cronaca

Abusi sessuali su prostitute romene: condannato un poliziotto

Per l'agente della Polfer, Roberto Tavano, è anche scattata l'allontanamento dalla polizia. Per altri tre suoi colleghi invece disposto il rinvio a giudizio con rito ordinario

Un assistente di polizia, Roberto Tavano, è stato condannato con rito abbreviato a quattro anni di reclusione. Le accuse di cui è stato ritenuto colpevole sono concussione e violenza sessuale aggravata. Le stesse accuse mosse a altri tre suoi colleghi i quali però andranno a giudizio con rito ordinario. Per loro infatti il gup Flavia Costantini ha deciso il rinvio a giudizio. Il Gup Costantini oltre alla condanna di Tavano ha disposto anche il suo allontanamento dalla polizia.

Gli imputati, tutti in servizio presso la Polfer di Roma Ostiense, erano accusati di aver costretto alcune prostitute romene ad avere con loro rapporti sessuali negli uffici del compartimento dove le avevano portate con la scusa di sottoporle a controlli.


Il giudizio ordinario, che comincerà il 20 novembre prossimo davanti alla IV sezione penale riguarda gli agenti scelti Andrea Grifoni, Giorgio Campanari e Stefano Fortini. Contro i quattro imputati le cittadine romene si erano costituite parte civile con l'assistenza degli avvocato Rita Mone, Cristina Cerrata, Geraldine Pagano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sessuali su prostitute romene: condannato un poliziotto

RomaToday è in caricamento