rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Quadraro / Via Casilina, 561

Maxi rissa a Torpignattara: coltellate e bottigliate al centro della Casilina

Una ventina le persone scappate all'arrivo della polizia. Tre i feriti, medicati in ospedale

Una maxi rissa. Una ventina di persone, fra cui diverse armate di coltelli e bottiglie rotte. Violenze scoppiate domenica mattina presto davanti a un bar di Torpignattara. Decine i testimoni che hanno visto i cittadini sudamericani picchiarsi e rincorrersi fra le tante auto che transitavano poco prima delle 8:00 di ieri sulla via Casilina. 

Sono state numerose le richieste d'intervento arrivate al 112 a partire dalle 7:50 che indicavano una "rissa fra decine di persone, alcune armate di coltelli e bottiglie rotte e di un taser. Tutti sudamericani, che si stanno lanciando bottiglie in strada", come riferito da diversi testimoni. 

Sul posto sono quindi arrivate le volanti della questura di Roma e del commissariato Porta Maggiore con i violenti che, una volta notata l'auto della polizia, hanno cominciato a scappare dileguandosi fra via Capua e le strade limitrofe. In strada tre persone, due uomini e una giovane donna, tutti armati e con i segni della rissa ancora visibili sugli indumenti - intrisi di sangue - e sui loro volti.

Una situazione di potenziale pericolo con due di loro che - ancora armati di coltello e coccio di bottiglia rotto - si sono avvicinati pericolosamente agli agenti che al fine di farli desistere hanno impugnato le rispettive pistole di ordinanza intimando loro di buttare l'arma bianca in terra. 

Identificati in tre cittadini sudamericani: un colombiano di 39 anni e una cittadina colombiana di 29 (tutti e due irregolari sul territorio italiano) e in cittadino dominicano di 38 anni, già sottoposto all'obbligo di presentazione alla PG, sono stati trasportati in ospedale con ferite d'arma da taglio e varie contusioni.

Accompagnati negli uffici del distretto Prenestino sono stati arrestati per rissa aggravata in concorso e messi a disposizione della magistratura per il rito direttissimo. Restano da accertare le cause scatenanti della rissa, scoppiata secondo i primi accertamenti per futili motivi. 

Il bar della rissa già chiuso dal questore

Teatro delle violenze un bar, già chiuso dal questore per 15 giorni in applicazione dell’articolo 100 del Tulps. Sospensione della licenza terminata lo scorso 4 maggio quando il locale di Torpignattara ha riaperto le serrande. In particolare l'esercizio commerciale era stato oggetto del provvedimento dopo tre precedenti interventi degli agenti del commissariato Torpignattara: il 3 marzo e 30 marzo, per una segnalazione di lite tra avventori e, in entrambi le circostanze, avevano accertato che il locale era frequentato da persone in evidente stato di ubriachezza, alcune delle quali con precedenti di polizia.

Inoltre, lo scorso 31 marzo, gli agenti sono intervenuti nuovamente per una lite tra clienti e, giunti sul posto, inizialmente il titolare si era quasi rifiutato di farli accedere ma, una volta all’interno, i poliziotti avevano potuto constatare che l’esercizio commerciale era sporco e maleodorante poiché poco prima, a seguito del litigio, erano state infrante diverse bottiglie a terra sul pavimento; per tale motivo, il titolare della struttura è stato denunciato in stato di libertà. Chiuso il 17 aprile di aprile e riaperto il 4 maggio a distanza di meno di un mese nelle adiacenze del bar l'ennesimo rissa. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi rissa a Torpignattara: coltellate e bottigliate al centro della Casilina

RomaToday è in caricamento