Cronaca

Maxi rissa dopo l'appuntamento sui social, 18enne accusato di tentato omicidio

La vittima, un 19enne, è stata portata in ospedale con 12 giorni di prognosi per le ferite al braccio. Denunciati altri 9 coetanei per rissa, tra cui 3 minorenni

E' stato individuato e denunciato per tentato omicidio l'aggressore del 19enne di Fiumicino, accoltellato e colpito con un manganello, durante una maxi rissa avvenuta nel pomeriggio di domenica all'Isola Sacra. Il responsabile, un ragazzo di 18 anni, è stato rintracciato dalla polizia di Stato dopo una indagine nelle ore successive a quello che ha tutti i contorni di un agguato. 

Gli inquirenti, ascoltando la vittima e analizzando i tabulati telefonici, hanno quindi identificato e denunciato altri nove giovani, tre dei quali minorenni. I fatti. Tutto è andato in scena in via Italo Gismondi, all'Isola Sacra. I giovani, tutti residenti nel comune aeroportuale, si erano insultati sui social, sull'app HouseParty per diversi giorni. Discussioni, minacce, violenze verbali. 

Il tutto durato giorni, fino all'appuntamento dato sempre attraverso i social ieri. Il più classico del "se vedemo in in strada", si è però trasformato in una brutale aggressione. Un 18enne, infatti, secondo quanto emerso si era presentato all'appuntamento chiarificatore con un coltello nascosto in un borsello, arma che ha poi utilizzato con "la chiara intenzione di colpire il contendente sferrando fendenti che soltanto per una casualità favorevole non sono stati fatali", spiega la Questura di Roma. 

Il ragazzo, dopo l'aggressione, era poi scappato a bordo di un'auto con un amico (anche lui identificato), mentre il 19enne, immediatamente soccorso, è stato trasportato al Grassi di Ostia dove, i medici, dopo le cure del caso, gli hanno rilasciato un referto medico con 12 giorni di prognosi per le ferite al braccio.

Il sopralluogo da parte degli investigatori del commissariato, ha permesso di rinvenire sul luogo della maxi rissa anche un manganello in metallo e plastica utilizzato probabilmente durante lo scontro. L'aggressore di 18 anni, dopo l'identificazione, è stato denunciato per "tentato omicidio, rissa e porto abusivo di strumenti atti ad offendere".

Non solo. Dal racconto dei testimoni, la polizia ha anche identificato anche di altri 9 partecipanti alla rissa, dei quali tre minorenni: ad alcuni è stato sequestrato il telefono cellulare per accertare sia l'origine della rissa consguente il diverbio su HouseParty, ma anche per verificare la presenza di eventuali video girati nel corso degli eventi. I giovani individuati saranno tutti denunciati all'Autorità Giudiziaria per rissa aggravata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi rissa dopo l'appuntamento sui social, 18enne accusato di tentato omicidio

RomaToday è in caricamento