Cronaca

Gli vendono zucchero invece della cocaina: la compravendita di droga finisce in rissa

Il cliente ferito è stato subito medicato sul posto da personale sanitario e poi arrestato: aveva evaso i domiciliari

Oltre al danno, anche la beffa. Un 33enne che voleva comprare della droga, infatti, è stato prima truffato dal suo pusher e poi picchiato. Una volta soccorso, però, gli agenti di polizia intervenuti hanno scoperto che l'uomo era sottoposto agli arresti domiciliari e, pertanto, è stato poi arrestato per evasione.

I fatti si sono consumanti a  Velletri. Tutto è iniziato quando il 33enne egiziano aveva chiamato il Numero Unico per le Emergenza per farsi soccorrere. Gli agenti arrivati sul posto lo hanno trovato, con una ferita alla testa a seguito di una violenta lite con il pusher.

Lo straniero si trovava in piazza Giuseppe Garibaldi per una compravendita di droga ma, al momento dello scambio, si è accorto che al posto della sostanza stupefacente gli era stato venduto del comune zucchero. Così ne è nata una furiosa lite nella quale l'egiziano è stato ferito. 

Il 33enne è stato subito medicato sul posto e successivamente portato presso l'ospedale di Velletri. Le indagini avviate ed effettuate dai poliziotti hanno permesso di appurare che l'uomo era sottoposto agli arresti domiciliari e così è stato arrestato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli vendono zucchero invece della cocaina: la compravendita di droga finisce in rissa

RomaToday è in caricamento