Infernetto: rissa al centro di accoglienza, arrestati e rimessi in libertà

Tutto è successo in via Bruno Maderna, quando alcuni giovani ospiti del centro d'accoglienza per richiedenti asilo in via Ennio Porrino, dietro la chiesa di San Corbiniano si sono picchiati

Immagine di repertorio

Prima la rissa in strada poi l'aggressione ai carabinieri intervenuti. Succede all'Infernetto dove i miliari dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Ostia hanno arrestato un nigeriano di 30 anni, per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e qualche ora dopo i militari delle Stazioni di Roma Casal Palocco e Roma Vitinia hanno arrestato un nigeriano di 31 anni e due senegalesi 33enni, uno di questi già noto alle Forze dell'ordine, per rissa e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Tutto è successo giovedì sera, quando è stata segnalata da alcuni cittadini una rissa in strada, in via Bruno Maderna, tra alcuni giovani extracomunitari, tutti ospiti del centro in via Ennio Porrino. La chiamata al N.U.E. 112 ha permesso ad una autoradio di raggiungere velocemente il luogo in cui era in atto l'acceso confronto.

I militari, una volta giunti sul posto, hanno trovato la presenza di alcuni giovani extracomunitari che, probabilmente accorti dell'arrivo dei Carabinieri, si sono tranquillizzati. Durante i primi accertamenti il 30enne nigeriano, all'’atto del controllo, si è mostrato però più insofferente nei confronti degli uomini dell'Arma, aggredendoli. I militari con non poca fatica sono riusciti a bloccarlo e di conseguenza ad arrestarlo.

L'intervento, però, non è riuscito a calmare definitivamente la situazione. Infatti, qualche ora più tardi, è scoppiata nuovamente una rissa, questa volta proprio all'interno del centro di accoglienza. Sono quindi intervenute due pattuglie, una dell’Arma di Casal Palocco e l'altra di Vitinia.

All'arrivo dei militari molti giovani extracomunitari africani, ospiti della struttura si sono allontananti, ma i Carabinieri sono riusciti a bloccarne tre, nonostante il loro tentativo di guadagnare la fuga aggredendo gli uomini dell'Arma, riconosciuti poi da alcuni testimoni come protagonisti della rissa.

Venerdì mattina, dopo la notte in camera di sicurezza, tutti e quattro gli arrestati sono stati accompagnati presso le aule di piazzale Clodio, dove a seguito della convalida dell’arresto, il primo dei quattro è stato condannato a 10 mesi di reclusione con la condizionale e pertanto rimesso in libertà, mentre gli altri tre sono stati rinviati a giudizio e rimessi in libertà e solo uno di loro è stato sottoposto all’obbligo di firma presso la Stazione locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento