rotate-mobile
Cronaca

Rifiuti speciali interrati ed abusi edilizi: sequestrata area di 9mila metri quadri

L'intervento della polizia locale in zona Ardeatina Denunciate due persone

Rifiuti speciali interrati ed abusi edilizi. Un'area di quasi 9mila metri quadrati è stata posta sotto sequestro venerdì mattina, sulla via Ardeatina, dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale. Il personale del GSSU (Gruppo Sicurezza Sociale Urbana) e dell'unità SPE (Sicurezza Pubblica Emergenziale), diretti dal Vice Comandante, Dottor Stefano Napoli, ha rilevato come il sito, nonostante fosse sottoposto a vincolo paesaggistico, veniva utilizzato come deposito di rifiuti speciali, che per mezzo di sbancamenti di terreno e l'utilizzo di un escavatore, venivano interrati nel sottosuolo. 

Si tratta di materiali come fresato d'asfalto, rifiuti di demolizioni edili , conglomerato bituminoso, rottami e imballaggi. Sul terreno rilevati altresì abusi edilizi di vario genere, come terrazzamenti, piazzali in calcestruzzo, struttura in ferro, prefabbricati con tanto di allacci alla rete idrica e container.

Discarica rifiuti speciali Ardeatina

Considerato il grave impatto ambientale e la pericolosità per la salute pubblica causati dall'utilizzo del sito come una vera e propria discarica, oltre al sequestro dell'intero terreno e di tutto ciò che era contenuto al suo interno, gli agenti hanno denunciato i responsabili, due cittadini italiani di 34 e 53 anni, per la sussistenza di reati urbanistici ed ambientali, aspetti per i quali dovranno rispondere all'Autorità Giudiziaria.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti speciali interrati ed abusi edilizi: sequestrata area di 9mila metri quadri

RomaToday è in caricamento