Cronaca

Cittadini denunciano odori nauseabondi, trovati rifiuti liquidi nei silos delle cartiere: area sequestrata

Le indagini da parte della polizia provinciale. Denunciati tre amministratori per abbandono di rifiuti e discarica abusiva

I silos dove sono stati rivenuti i rifiuti liquidi

Odori nauesabondi che, soprattutto d'estate, rendevano l'aria irrespirabile. Così, dopo denunce ed esposti da parte degli abitanti di Villanova, Villa Adriana, Paterno e Campolimpido è scattato il blitz da parte degli uomini della polizia locale della Città Metropolitana di Roma (ex Polizia Provinciale di Tivoli) che con l'ausilio dei tecnici di Arpa Lazio e dei vigili del fuoco hanno smascherato l'arcano. Ovvero la presenza di oltre un milione di litri cubi di rifiuti liquidi stoccati in due silos alti circa 15 metri. La scoperta nell'area del Consorzio Cartiere in Tivoli a Ponte Lucano (provincia nord est della Capitale), con l'area poi sequestrata. 

Ma andiamo per ordine. Il blitz degli uomini della provinciale di via Maremmana Inferiore nella mattinata del 4 febbraio, dopo l'autorizzazione a procedere da parte del PM della Procura di Tivoli Giuseppe Memmo. Intervenuti sul posto assieme ai tecnici Arpa ed ai vigili del fuoco di Villa Adriana gli agenti sono saliti in cima ai due silos incriminati scoprendo poi la presenza all'interno degli stessi di alcuni rifiuti liquidi trasformatisi con il tempo in melma.

In particolare gli uomini dell'ex polizia provinciale di Tivoli hanno accertato la presenza nei due silos, uno stracolmo e l'altro pieno a metà, di rifiuti liquidi per complessivi 1 milione 100 mila litri, accertando la dispersione degli stessi sulla pavimentazione dell'area.  Sequestrata l'area, saranno ora i tecnici dell'Arpa ad accertare la pericolosità dei rifiuti trovati e sequestrati nei due silos. 

I rifiuti sarebbero riconducibili agli scarti di un ex frantoio, attivo sino al 2012. Andata in fallimento l'area venne quindi messa all'asta dal Tribunale fallimentare ed acquisita da una srl con sede in provincia di Salerno. 

Denunciati i tre amministratori per abbandono di rifiuti e discarica abusiva, dovranno ora provvedere alla messa in sicurezza ed alla bonifica dell'area con gli uomini della polizia di provinciale che proseguiranno gli accertamenti, in attesa degli esiti delle analisi dei tecnici dell'Azienda Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cittadini denunciano odori nauseabondi, trovati rifiuti liquidi nei silos delle cartiere: area sequestrata

RomaToday è in caricamento