Fiumicino: una distesa di eternit e rifiuti invade il castello di Torrimpietra

Il noto monumento meta di centinaia di turisti è accerchiato da accumuli di rifiuti nocivi. Il presidente dell'associazione Crescere Insieme, Roberto Severini, chiede un intervento immediato

E' stato luogo di soggiorno per i Papi e residenza di Albertini, senatore e fondatore del Corriere della Sera. E' tuttora un monumento ammirato da centinaia di turisti ogni anno. Solo che da alcuni mesi intorno al castello di Torrimpietra, frazione del comune di Fiumicino, trova posto una distesa di eternit, tubi di rame, scarti di materiale edile e rifiuti di ogni tipo.

A denunciare l'emergenza è il presidente dell'associazione Crescere Insieme, Roberto Severini, che chiede un intervento tempestivo. "Serve più controllo, un’azione più incisiva per contrastare questo fenomeno terribile: l'abbandono di rifiuti" ha commentato. "Serve immediatamente rispolverare il progetto dei rilevatori ambientali fermo dal 2008 e mai realmente partito dopo ore e ore di corsi e soldi dei contribuenti spesi,  dare una svolta decisa a quello delle guardie ambientali che fin qui ha prodotti risultati non eccezionali. Due servizi che potrebbero svolgere un ruolo di deterrente (magari insieme all'installazione di videocamere), mappare le zone a rischio e intervenire il prima possibile senza che queste discariche rimangono lì a marcire per mesi e mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Adriano Urso, il pianista rimasto senza lavoro per il Covid e morto per infarto durante una consegna come rider

  • Tragedia a Roma, madre e figlio trovati morti in casa: indaga la polizia

Torna su
RomaToday è in caricamento