rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Trastevere / Via dalle Lungara

Corteo 19 ottobre, interrogati i sei arrestati. Presidio di solidarietà fuori dal Regina Coeli

Questa mattina sono iniziati gli interrogatori per gli attivisti arrestati dopo gli scontri davanti al ministero. I manifestanti: "Liberi tutti"

Decine di attivisti si sono radunati questa mattina davanti al carcere di Regina Coeli per manifestare solidarietà ai sei arrestati nel corso della manifestazione di sabato scorso dei movimenti. Proprio questa mattina infatti sono iniziati gli interrogatori di garanzia. "Tutti liberi", lo slogan scandito dai manifestanti che hanno anche esposto uno striscione con la scritta: "Chi devasta e saccheggia le nostre vite è lo Stato, liberi tutti".

A svolgere gli interrogatori di garanzia sarà il gip Riccardo Amoroso. Per Massimo Forina, 23 anni, Rafael Campagnolo, 30 anni, Giovanni Sacco, 24, Sara Vertuccio, 24, Annunziata Celeste, 22, e Raffaele Durno, 50, il pm Luca Palamara contesta il reato di resistenza aggravata.

Presenti anche alcuni genitori: “Tramite gli avvocati ho saputo che mia figlia è molto serena in queste ore. Era venuta a Roma per manifestare democraticamente e da un filmato che ho potuto visionare, si vede lei che aiuta una sua amica caduta prima di essere arrestata” racconta Corrado Celeste, il padre di Annunziata. “Sono orgoglioso della sua solidarietà verso l'amica caduta perché se fosse scappata forse non l'avrebbero fermata. Lei studia all'università a Napoli ed è una ragazza tranquilla. Siamo in democrazia ed è quindi normale poter partecipare a cortei. Ieri le volevo consegnare un libro di Sciascia ma purtroppo non è stato possibile: io ho fiducia comunque nella giustizia e nelle regole dello Stato”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corteo 19 ottobre, interrogati i sei arrestati. Presidio di solidarietà fuori dal Regina Coeli

RomaToday è in caricamento