Adescava clienti in chat e li rapinava col sonnifero: fermata 'Carla l'ungherese'

La 38enne rintracciata dall'utenza telefonica. I colpi messi a segno a Balduina e Villa Glori ma anche in Toscana. Le vittime messe fuori uso dal benzodiazepine

Li adescava in chat, organizzava con loro un appuntamento sexy e li stordiva con il sonnifero per poi ripulirgli la casa. Vittime dei noti professionisti. La vicenda prende spunto tra il 17 ed il 20 agosto scorso quando a Roma sono state compiute quattro rapine in appartamento ad opera di una donna. Le indagini, iniziate da un primo episodio avvenuto nella zona della Balduina, sono state condotte dagli uomini del  Commissariato Monte Mario, diretto dal dott. Claudio Cacace.

CARLA L'UNGHERESE - Gli investigatori, dopo aver ascoltato per ore le vittime, sono arrivati ad un quadro generale della situazione in cui la protagonista degli episodi corrispondeva sempre alla stessa donna, che si presentava con il nome di Carla, a suo dire di nazionalità ungherese.

SOCIAL NETWORK - Le vicende sono tutte iniziate tramite incontri su noti Social Network per poi, man mano, arrivare ad una conoscenza personale. La bella presenza della donna ed i suoi modi eleganti e garbati non hanno mai fatto sospettare alle vittime chi invece si celasse dietro quegli sguardi “angelici”.

CENA A LUME DI CANDELA - Dal primo appuntamento all’invito per una cena a lume di candela a casa degli sventurati il passo era breve. Una volta all’interno dell’appartamento la ragazza adottava sempre la stessa tecnica e, promettendo una serata  “elettrizzante”, preparava un cocktail, che inevitabilmente faceva perdere conoscenza alle ignare vittime.

BENZODIAZEPINE NEL VINO - Dall’esame delle bevande, infatti, è stato rilevato che la ragazza metteva dosi massicce di sostanze a base di “benzodiazepine”, con l’altissimo rischio, tra l’altro, di causare anche la morte in soggetti particolarmente sensibili.Fortunatamente le vittime, tutte trasportate al Pronto Soccorso, oltre a trovarsi gli appartamenti svaligiati, hanno riportato soltanto alcune ecchimosi procurate dalle ripetute cadute avvenute parecchie ore dopo durante il risveglio.

UTENZA TELEFONICA - Gli investigatori, analizzando le chat delle vittime, sono riusciti a risalire all’utenza telefonica utilizzata dalla donna, risultata intestata ad una persona inesistente. Sono partite immediatamente le intercettazioni telefoniche e, oltre ad accertare che la donna gravitava nel fiorentino, si appurava che la notte del 24 aveva colpito ancora ma, questa volta, a Livorno.

DA ROMA E FIRENZE E VICEVERSA - Mentre gli investigatori si stavano preparando a spostarsi su Firenze, la donna ha contattato di nuovo un uomo romano, dandogli appuntamento per la serata del 27 agosto. Immediatamente è stato predisposto servizio di appostamento sul luogo dell’appuntamento dove, all’orario convenuto, si è presentato l’uomo. Uno degli agenti si è avvicinato a lui in maniera riservata e, dopo averlo messo al corrente di quanto stava accadendo, gli ha chiesto di collaborare presentandolo alla ragazza come un suo amico incontrato lì per caso.

COLLABORAZIONE DELLA VITTIMA - L’uomo, capito il pericolo a cui era andato incontro, ha ovviamente accettato. Con oltre un’ora di ritardo la ragazza è arrivata e, ancora una volta, si è presentata con il nome di Carla, dicendo altresì di avere origini ungheresi. A smascherarla definitivamente è stato, però, un suo movimento con il quale ha messo in luce il tatuaggio a forma di fiore che aveva sull’avambraccio sinistro, precedentemente descritto da tutte le vittime.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RAPINA A VILLA GLORI - A quel punto sono scattate le manette e la ragazza, che invece è di origini rumene, identificata in una donna di 38 anni, è stata sottoposta a Fermo di Indiziato di Delitto e condotta presso la Casa Circondariale di Rebibbia. All’interno della borsa che la donna aveva con sé, gli agenti hanno trovato numerose confezioni di medicinali a base di   “benzodiazepine”, oltre alle ricette trafugate durante una rapina avvenuta tempo addietro in zona Villa Glori in danno di un noto medico.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento