Due rapine in tre giorni alla Sacoph armati di pistola, poi la fuga sul bus

La coppia di malviventi è stata scovata dai carabinieri in borghese mentre si preparava ad entrare in azione al supermercato di Marco Simone. Prima di Guidonia i due avevano agito con le stesse modalità in zona Tiburtina

Pistola e travestimenti rinvenuti dai carabinieri

Lo hanno rapinato due volte con le stesse modalità: la prima volta sono riusciti a mettere a segno il colpo ma la seconda sono caduti nella rete dei carabinieri. A mettere fine alle scorribande di due rapinatori romani di 53 e 54 anni i Militari della compagnia di Tivoli dopo l'ennesimo tentativo al supermercato Sacoph di via Cineto Romano a Marco Simone di Guidonia.

MARCO SIMONE SOTTO SCACCO - Il fermo dei due è arrivato dopo che i carabinieri, diretti dal capitano Emanuela Rocca, hanno intensificato i controlli nella zone di Colleverde, Marco Simone e Setteville Nord, sempre nel comune di Guidonia Montecelio, dove nel'ultimo periodo si sono consumate decine di rapine. Al fine di debellare il fenomeno i militari hanno cominicato a pattugliare le zone a rischio con dei veicoli 'civetta'. Proprio nell'ambito di tali controlli è stata notata una Citroen C3 corrispondente a quella utilizzata tre giorni prima (il 26 maggio) per rapinare il supermercato poi preso nuovamente di mira.

PEDINAMENTO A DISTANZA - Notata l'auto sospetta i carabinieri in borghese hanno dato vita ad un pedinamento a distanza nei confronti dell'auto francese sospetta, risultata poi utilizzata per un'altra rapina messa a segno nella zona del Tiburtino III, a Roma il 17 maggio.

PRONTI ALLA RAPINA - Seguita la C3 i carabinieri si sono ritrovati nel parcheggio della Sacoph già visitata tre giorni prima dove hanno notato i due, uno alla guida con i guanti, mentre cercavano di travisare il loro viso con l'intento di rientrare in azione nello stesso supermercato.

FUGA SUL BUS - Notata la presenza dei carabinieri, seppure in borghese, i due rapinatori hanno quindi deciso di desistere dal loro intento e lasciata la C3 nel parcheggio hanno provato a dileguarsi a piedi. Gli uomini dell’Arma li hanno poi inseguiti fino sopra ad un autobus dove li hanno fermati. Uno di loro aveva già indossato i guanti e calzato un cappuccio, mentre l’altro aveva impugnato una pistola con matricola abrasa rinvenuta all’interno del mezzo abbandonato, dove poi sono stati trovati guanti e mascherine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ARRESTATI - I fermati, sono stati tratti in arresto per possesso di arma clandestina, ricettazione aggravata e tentata rapina e sono stati accompagnati al carcere di Rebibbia. Gli investigatori dei Carabinieri stanno ricostruendo le altre rapine di cui i due arrestati si sono resi protagonisti nei giorni scorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento