rotate-mobile
Cronaca Prati / Via Simone de Saint Bon

Rapinavano laboratori orafi travestiti da finanzieri: due arresti

I rapinatori di 53 e 41 anni, già in carcere per l'assalto al portavalori di via Casal Morena, sono ritenuti responsabili di due colpi messi a segno nel 2011

Altri due colpi. Due rapine ad altrettanti laboratori orafi travestiti da finanzieri. Nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per due degli uomini che nel giugno 2012 'assaltarono' l'equipaggio di un furgone portavalori dell'Istituto di Vigilanza Privata 'Delta Valorì dellhttps://www.romatoday.it/cronaca/rapina-portavalori-casal-morena-arresto.html. I due sono ritenuti responsabili di altre due rapine messe a segno nel 2011 su via Appia Nuova ed in zona Prati.

ORDINANZA IN CARCERE - Entrambi pregiudicati, di 53anni e 41anni, sono stati dagli agenti della Squadra Mobile di Roma in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma.

RAPINA A PRATI - La nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere è scattata invece per due rapine ai danni di laboratori orafi avvenuti il 16 maggio e il 10 ottobre del 2011. Nel primo caso, dopo essere entrati nel laboratorio della società 'Oro Italia Investimentì srl, in via Simone De Saint Bon 24/26, zona Prati, indossando uno la divisa e l'altro un fratino della Guardia di Finanza, con il pretesto di dover eseguire una perquisizione ed un sequestro, giustificati con falso decreto apparentemente emesso dal sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Roma Ilaria Calò, armati di pistola, costrinsero i dipendenti a buttarsi a terra, li immobilizzarono con delle fascette in plastica e si fecero aprire la cassaforte, dalla quale asportavano 17 chili di lingotti d'oro.

RAPINA SULL'APPIA NUOVA - I banditi, con le stesse modalità, il 10 ottobre 2011 hanno consumato una rapina presso il laboratorio orafo della società 'Orogenesì srl, in via Appia Nuova 199/g. In quella occasione, costrinsero i dipendenti ad aprire la cassaforte da cui rubarono circa 7 chili di oro; prima di darsi alla fuga chiusero i dipendenti nel bagno del laboratorio.

LA RAPINA AL PORTAVALORI

ASSALTO AL PORTAVALORI - I due erano già reclusi nel carcere di Regina Coeli perchè arrestati nel mese di novembre 2012 dalla Squadra Mobile di Roma, insieme a due complici, della rapina ai danni del furgone portavalori dell'Istituto di Vigilanza Privata 'Delta Valorì, mentre era intento ad effettuare il versamento di alcuni plichi contenenti complessivamente la somma di 210mila euro presso l'agenzia Unicredit ubicata in largo Alessandria del Carretto angolo via di Casal Morena.

VIA CASAL MORENA - Il portavalori fu assalito da tre individui armati di pistola che, dopo aver disarmato due guardie particolari giurate, erano riusciti ad impossessarsi di una sola parte del carico, ovvero di un plico contenente 70mila euro. La reazione del conducente del furgone infatti indusse i malviventi a fuggire, costringendoli anche ad abbandonare i mezzi su cui erano giunti sul posto e a rapinare i conducenti di alcune vetture private in transito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinavano laboratori orafi travestiti da finanzieri: due arresti

RomaToday è in caricamento