Cronaca

Mazze e bastoni per rapinare le banche: in manette 2 rapinatori seriali

I due, romani di 21 e 24 anni già noti alle forze dell'ordine, utilizzavano mazze e bastoni facilmente occultabili e non rilevabili dai sistemi di difesa passiva delle banche. A loro carico 9 rapine

Mazze e bastoni per riuscire a passare indisturbarti attraverso i metal detector delle banche. Operavano così due giovani romani, di 21 e 24 anni, a carico dei quali è stata emessa un'ordinanza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta del PM Francesco Minisci.

Le indagini svolte dai Carabinieri di via in Selci, anche grazie all’analisi e la comparazione dei filmati rilevati dai sistemi di videosorveglianza delle banche assaltate, hanno consentito di identificare i due rapinatori e di raccogliere nei loro confronti un solido quadro indiziario, in ordine alla commissione di nove rapine attuate con modalità seriali presso istituti di credito di Roma, nel periodo compreso tra gennaio e aprile del 2011.

I due erano soliti raggiungere gli obiettivi da “colpire” a bordo di ciclomotori, provento di furto, si introducevano all’interno degli istituti di credito e minacciavano i cassieri con mazze e bastoni - facilmente occultabili e non rilevabili dai sistemi di difesa passiva delle banche - al fine di farsi consegnare il denaro custodito nelle casse, che si aggirava solitamente in alcune decine di migliaia di euro.

GUARDA IL VIDEO

In un caso, i due arrestati hanno attuato ben tre colpi nello stesso giorno. Dopo la notifica del provvedimento i 2 sono stati portati a Regina Coeli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazze e bastoni per rapinare le banche: in manette 2 rapinatori seriali

RomaToday è in caricamento