Cassia: sequestrano coppia di anziani e badante, poi saccheggiano villa

I fatti in zona Tomba di Nerone. I malviventi hanno fatto sedere tutte le vittime sul divano. Mentre uno dei malviventi è rimasto a sorvegliare le vittime, i complici hanno rovistato in tutta la casa, asportando dai cassetti alcuni gioielli di famiglia.

Sono entrati nella loro villa sulla via Cassia, li hanno sequestrati rubando poi tutto e fuggendo via. E' successo lo scorso sabato pomeriggio, in zona Tomba di Nerone. Le vittime una coppia di anziani 80enni, la loro badante e un operaio che al momento si trovava in casa.

A chiudere il cerchio i Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale che hanno arrestato due nomadi di 26 e 20 anni, residenti nella zona di Rocca Cencia. Le indagini sono state condotte nell'ambito del gruppo reati contro il patrimonio della Procura della Repubblica di Roma, coordinato dal Procuratore Aggiunto Dottoressa Lucia Lotti.

LA RAPINA - Gli arrestati, insieme ad altri due complici, si sono introdotti nell'abitazione con i volti travisati da passamontagna, scavalcando prima il cancello di ingresso della villa e successivamente rompendo, con un grosso martello, il vetro blindato della porta finestra.

Dopo aver immobilizzato i proprietari, poi la badante romena ed infine un operaio che stava svolgendo dei lavori in casa, minacciando con il martello in faccia l'anziana donna, hanno fatto sedere tutte le vittime sul divano. Mentre uno dei malviventi è rimasto a sorvegliare le vittime, i complici hanno rovistato in tutta la casa, rubando dai cassetti alcuni gioielli di famiglia.

LA FUGA - Dopo circa 40 minuti di razzia sono scappati con la refurtiva a bordo di un'auto nera. Poco dopo, il veicolo è stato notato da una pattuglia in borghese dei Carabinieri che, avuta notizia della rapina via radio e insospettiti dall'atteggiamento dei quattro, hanno fornito la targa alla Centrale Operativa per il controllo alla banca dati delle forze dell’ordine, riscontrando che risultava da ricercare, poiché coinvolta in un altro furto in villa commesso lo scorso mese di marzo a Tivoli.

Ne è nato un lungo inseguimento conclusosi in via Prenestina, dove i militari sono riusciti a bloccare solo due della banda di malviventi. Nell'auto, i Carabinieri hanno rinvenuto i gioielli rubati nella villa degli anziani, oltre al martello usato per minacciarli, un cacciavite, un piede di porco ed i passamontagna. 

INDAGINI IN CORSO - Al momento solo uno dei fuggitivi non è stato individuato un 35enne che ha abbandonando l’abitazione di residenza per evitare l’arresto mentre, mentre non è ancora stata accertata l’identità dell’ultimo complice.

La banda è sospettata di aver commesso altri furti e rapine in villa, e per tale motivo sono in corso delle specifiche attività investigative coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, gruppo reati contro il patrimonio.

REFURTIVA RECUPERATA - A seguito dell'aggressione solo la badante è dovuta ricorrere alle cure mediche dei sanitari mentre, le altre vittime, fortunatamente, sono rimaste illese. La refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari mentre i due arrestati sono stati condotti nel carcere di Regina Coeli.      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento