Violenta rapina in frutteria: titolare colpito in testa con il calcio della pistola

E' successo in via Augusto Dulceri dove un 40enne è stato rapinato da due uomini armati di una pistola Walther con matricola abrasa. I ladri sono stati arrestati dopo le indagini

Sei giorni di indagini. Tanti sono bastati agli agenti di Polizia del commissariato di Porta Maggiore per arrestare due ladri autori di una rapina violenta in una frutteria in via Augusto Dulceri a Torpignattara, avvenuta lo scorso 4 febbraio. 

LA VIOLENTA RAPINA - Tutto è iniziato quando un 40enne del Bangladesh mentre si apprestava alla chiusura del proprio negozio di frutta e verdura, è stato aggredito da due uomini, di cui uno travisato ed armato di pistola, che, dopo averlo spintonato gli hanno intimato di consegnare i soldi contenuti nel registratore di cassa. L'esercente impaurito è stato poi colpito violentemente alla testa con il calcio della pistola, subendo una profonda ferita lacero contusa al cuoio capelluto. 

I rapinatori, dopo aver rubato 200 euro dalla cassa e ulteriori 300 euro dalle tasche del 40enne, sono quindi fuggiti lasciando la vittima a terra privo di sensi. Rinsavito, ferito e sanguinante, il titolare della frutteria è poi riuscito comunque ad allertatare il numero unico di emergenza 112 e sul posto sono quindi giunti gli agenti di Polizia che hanno avviato le indagini dopo aver ascoltato la versione del 40enne.

IL PRIMO ARRESTO - La mattina del 10 febbraio, dopo le ricerche, sono riusciti ad intercettare uno dei presunti autori della rapina, un romano di 41 anni. Una volta bloccato, l'appartamento dell'uomo è stato perquisito e all'interno è stata trovata e sequestrata la pistola utilizzata per la consumazione della rapina, ancora carica, una Walther calibro 7.65 modello PPK avente matricola abrasa. In casa rinvenuti anche gli indumenti indossati durante la rapina. Grazie a questi gravi indizi, il 41enne è stato arrestato per "detenzione di arma clandestina" e in quanto autore della "rapina aggravata".

IL COMPLICE - Il positivo sviluppo della vicenda ha poi consentito alla Polizia di acquisire ulteriori elementi per stanare il secondo malvivente. Si tratta di un 27enne romeno senza fissa dimora, rintracciato e posto in stato di fermo di Polizia Giudiziaria. 

Entrambi gli autori della efferata rapina, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e gli stupefacenti, su disposizione della Autorità Giudiziaria, sono stati associati presso la casa circondariale di Regina Coeli in attesa di giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento