rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Montagnola / Piazzale Roberto Ardigò

"Polizia. Dobbiamo fare un controllo": poi la rapina in casa con la pistola

Vittima un medico odontoiatra, minacciato nel suo appartamento con la moglie e la colf. Indagano i carabinieri. 'Ripulita' la cassaforte

Si sono presentati fuori la porta della sua abitazione alle 9.30 esibendo un fantomatico tesserino di riconoscimento: "Buongiorno siamo due agenti di polizia dobbiamo fare un controllo". Una pantomima che ha spiazzato un medico odontoiatra in casa in quel momento con la moglie e la colf. Poi l'amara sorpresa, con uno dei due che ha estratto una pistola rivelando il vero motivo della 'visita' nell'abitazione di Montagnola.

MINACCIATI IN CASA - La rapina si è verificata in un appartamento di piazzale Roberto Ardigò. Secondo quanto raccontato dal dentista di 49 anni i due finti agenti erano italiani. Una volta entrati in casa hanno bloccato il medico minacciandolo di morte. Nel frattempo l'altro malvivente si è 'occupato' della moglie e della colf costringendole a sdraiarsi in terra sotto la minaccia di una pistola.

RIPULITA LA CASSAFORTE - Dei momenti di paura e timore con la richiesta da parte dei rapinatori di farsi aprire la cassaforte dell'abitazione. Aperta la stessa i due rapinatori hanno preso oro e preziosi contenuti nella cassetta di sicurezza lasciando l'abitazione nel volgere di pochi minuti.

INDAGINI DEI CARABINIERI - Allertato il 112 sul posto sono giunti i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Eur diretti dal maggiore Antonio Forte, che indagano su quanto accaduto. Ancora da quantificare il valore di quanto rubato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Polizia. Dobbiamo fare un controllo": poi la rapina in casa con la pistola

RomaToday è in caricamento