Rapina a mano armata in gioielleria, banditi in fuga con soldi e preziosi

Tre i rapinatori in azione

I carabinieri davanti la gioielleria appena rapinata

Rapina a mano armata questa mattina a Grotte Celoni. Ad essere presa di mira la gioielleria Bottini di via Acquaroni. Tre i banditi entrati nell'esercizio commerciale con i volti travisati e le pistole in pugno. Poi le minacce al titolare e la fuga con i soldi dell'incasso giornaliero ed oro e preziosi trovati in quel momento sul bancone del negozio. Ancora da quantificare il bottino. 

Rapina Bottini Gioielli

Entrati ed usciti rapidamente dalla gioielleria del VI Municipio delle Torri, il titolare della gioielleria è rimasto lievemente ferito nel tentativo di fermare i banditi. Allertate le forze dell'ordine in via Acquaroni sono quindi intervenuti i carabinieri della vicina stazione di Tor Bella Monaca. Raccolta la testimonianza del proprietario della gioielleria, sul caso indagano i militari dell'Arma della Compagnia Roma Frascati, che hanno acquisito le immagini di videosorveglianza a caccia di elementi utili a risalire ai rapinatori, attivamente ricercati dalle forze dell'ordine. 

Una rapina al giorno

Fra i primi ad arrivare davanti Bottini Gioielli il consigliere della Lista Marchini in VI Municipio Valter Mastrangeli: "Oramai la via è diventata il bancomat di tutti i delinquenti di zona. Quasi tutti i commercianti hanno subito più di una rapina, la tabaccheria addirittura otto visite dei rapinatori. Non se ne può più".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aumento controlli sotto Natale

Contattato da RomaToday Mastrangeli ha poi spiegato: "Via Acquaroni è da sempre nel mirino dei delinquenti, proprio qui nel 2011 organizzai una protesta con i commercianti che abbassarono le serrande attaccando un cartello provocatorio "Chiuso per rapina". Da allora poco o nulla è cambiato. Auspico che almeno sotto le festività natalizie vengano rafforzati i controlli. Mi auguro - conclude il consigliere del VI Municipio delle Torri - che dopo l'ennesina rapoina vengano instalate videocamere di sorveglianza su tutta la strada". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento