menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Portò via la figlia minore da una casa famiglia: scovato in Spagna ed arrestato. Nessuna traccia della piccola

La bimba venne rapita nel febbraio del 2018 a Monteverde

Ha sottratto la figlia minore dalla casa famiglia dove era stata affidata nella zona di Monteverde. Un rapimento nel corso del quale uno dei due uomini coinvolti perse un telefono cellulare. Un errore costato caro al rapitore che ha poi permesso agli investigatori di polizia di risalire ad un uomo, rivelatosi poi essere il papà della minorenne, sino ad ottenerne l’estradizione in Italia dopo essere stato scovato all’estero dove era scappato subito dopo il rapimento. 

A finire in manette un 34enne nato a Roma di origini rom, arrivato venerdì 2 aprile all’aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino con un volo proveniente dalla Spagna con scalo a Bruxelles scortato dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia. Ritenuto responsabile di sequestro di persona l’uomo era ricercato sulla base di un mandato di arresto europeo emesso il 22 agosto del 2019.  

Il rapimento avvenne il 1° febbraio del 2018 quando due persone si presentarono nel piazzale della casa famiglia dove la piccola stava passeggiando in compagnia di una operatrice. Strattonata la donna da uno due due uomini, il complice rapì la bambina e la caricò a forza su un’auto con i tre che poi si allontanarono rapidamente a bordo della vettura. 

Un rapimento nel corso del quale venne perso un telefono cellulare poi recuperato dagli agenti del Commissariato Monteverde, diretto da Maria Chiaramonte, intervenuti sul posto dopo la segnalazione del rapimento. Un apparecchio che ha poi permesso agli investigatori di dare un nome ed un volto ad uno dei rapitori, padre della minore affidata alla casa famiglia con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria

Scappato all’estero l’uomo è stato poi trovato in Spagna nel corso di un normale controllo stradale ed estradato oggi in Italia. Dopo la notifica del provvedimento per il 34enne si sono aperte le porte del carcere romano di Rebibbia. Proseguono invece le indagini per ritrovare la minorenne che nel 2017 era stata allontanata dal padre e dalla madre per cui era stata disposta la sospensione della responsabilità genitoriale. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento