Coppia di ragazze cacciate da un bar per un bacio, Marrazzo: "Sia ritirata licenza"

La denuncia da parte del portavoce di Gay Center. I fatti nel Comune di Carpineto Romano

Immagine di repertorio

Sono state cacciate da un bar per essersi scambiate "un bacio a stampo". Lo denuncia da parte di Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center. Vittime una coppia di ragazze di 19 e 24 anni. Sui fatti è poi arrivata la replica del titolare del bar di Carpineto Romano dove è avvenuto il fatto, con Marrazzo che ha replicato al successivo post del locale definendo le "scuse banali e tardive". 

Nel condannare il gesto Fabrizio Marrazzo ha poi chiesto al "Sindaco Stefano Cacciotti di verificare ed eventualmente ritirare la licenza al bar, dando un chiaro segnale contro l'omofobia e le discriminazioni". 

La vicenda avviene in un piccolo paese della provincia, dove è più complesso vivere la propria omosessualità alla luce del sole. "Infatti le due ragazze, ora supportate dal servizio Gay Help Line 800.713.713, denunciano una situazione di disagio anche in famiglia. La più giovane è stata cacciata di casa appena maggiorenne per via della sua relazione, ed entrambe hanno subito violenza. È necessario un piano concreto contro l'omofobia che preveda anche azioni capillari sui territori e che offra supporto e servizi a chi vive delle discriminazioni - conclude Marrazzo -. Noi siamo pronti a supportare le persone Lesbiche, Gay e Trans in provincia, come già avviene con il percorso del Lazio Pride, e dunque non escludiamo Carpineto per l'edizione 2020'".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fatti che hanno trovato la replica del bar citato, che sulla propria pagina facebook scrive: "In merito ai fatti avvenuti ieri sera (22 agosto 2019 ndr), mi scuso con tutti coloro che si sono sentiti offesi. Non era mia intenzione offendere o discriminare, alcuno. Ci tengo a precisare che mi sarei comportato allo stesso modo anche con una coppia etero perché penso che atteggiamenti simili sono poco adatti in un locale pubblico".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento