rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Casalotti

Casalotti, il porta a porta non regge al Natale: "Abbiamo passato le feste con i rifiuti in casa"

E' la denuncia di un cittadino che vive in via Casalotto Nuovo una delle zone dove da una quindicina di giorni è stato avviato il nuovo sistema di raccolta: "Funziona a singhiozzo"

Un servizio in affanno. Cassonetti della raccolta differenziata che rimangono pieni e la ricerca nei quartieri limitrofi di contenitori 'vecchio sistema' per smaltire quei resti del Natale che proprio in casa non si possono tenere. A pochi giorni dall'avvio della raccolta differenziata porta a porta non si arrestano le segnalazioni dei cittadini di Casalotti. “Abbiamo passato le feste con i rifiuti in casa e sotto i condomini. I cassonetti non vengono svuotati regolarmente in base al calendario che ci è stato consegnato. Si riempiono subito e il risultato è sempre lo stesso: rifiuti ammassati per le strade, attorno ai contenitori proprio sotto le nostre finestre” denuncia un cittadino che vive in via Casalotto Nuovo. “Quando salta la raccolta della carta possiamo anche aspettare dal momento che non puzza e che possiamo conservarla in casa. Ma quando a saltare il giro è l'umido o l'indifferenziato diventa un problema” continua.

La stessa situazione viene vissuta anche nelle vie limitrofe. “Ho registrato problemi anche nella vicina via di Cocconato, in via Baceno e in altre strade che poi arrivano su via di Boccea” racconta. Ognuno cerca di arrangiarsi come può: “Io ho la macchina e quando ho troppa immondizia accumulata posso cercare cassonetti nei quartieri vicini dove la raccolta differenziata non è ancora stata avviata. Penso però agli anziani. Conosco due persone costrette a letto che sono seguite da una collaboratrice domestica che non ha l'auto. Come possono fare? I secchioni ormai sono stati tolti. Non ci sono alternative, poi la gente si scoraggia e differenzia di controvoglia”. Le immagini inviate mostrano la situazione nel fine settimana dopo le festività natalizie. “Oggi quei sacchetti sono stati raccolti ma già questa mattina non sono ancora passati a togliere i sacchetti dell'indifferenziata. L'organico l'altro giorno è stato ritirato perché in due persone nella mia via si sono messi a fermare il camion. E così ho dovuto fare io per la plastica”. In poche parole: “Il servizio funziona a singhiozzo”. A pochi giorni dal Natale una domanda sorge spontanea: “Perché avviare il nuovo sistema di raccolta proprio ora?”.

Segnalazioni arrivano anche da Selva Candida: "Da qualche mese abbiamo iniziato la differenziata ma Ama non passa regolarmente. A volte i contenitori dentro ai cancelli non vengono ripuliti. Temiamo che quando ci toglieranno i secchioni avremo le case piene di spazzatura". Un lettore denuncia anche da via Gaverina: "Non c'è un secchione disponibile per gettare rifiuti di carta, vetro e organico".

Casalotti, rifiuti per le strade con il porta a porta

Selva Candida, raccolta rifiuti a rilento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casalotti, il porta a porta non regge al Natale: "Abbiamo passato le feste con i rifiuti in casa"

RomaToday è in caricamento