Cronaca

Falsi De Chirico e Schifano: 80 quadri sequestrati e 3 persone arrestate

Cervello dell'organizzazione una gallerista romana che gestiva tutti i passaggi delle opere. Le indagini sono partite dalla scoperta di uno Schifano falso presso un corniciaio romano. Denunciate anche 12 persone

Ottanta dipinti falsi di arte contemporanea, del valore di oltre due miloni di euro, sono stati sequestrati dalla sezione falsificazione e Arte Contemporanea del Reparto Operativo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma. Tra i quadri sequestrati falsi De Chirico, Guttuso, Balla, Modigliani e Schifano.

I militari hanno anche arrestato 3 persone e denunciato altre 12. Le indagini sono partite da un controllo effettuato presso un corniciaio della Capitale che esponeva un falso Schifano. Con indagini e pedinamenti i carabinieri hanno individuato tutti i passaggi del traffico, dal falsario ad una serie di personaggi satelliti, sparsi in tutta Italia, che ricevevano le tele attraverso la gallerista romana o con un corriere internazionale.

Cervello dell'organizzazione, una gallerista romana, già nota agli inquirenti per episodi che riguardavano la vendita proprio di falsi Schifano.

Il traffico di falsi toccava diverse città italiane oltre Roma. Tra queste Torino, Genova, Milano, Udine e Frosinone. Nelle città agivano una serie di operatori direttamente collegati all'organizzazione di falsari e che entravano in contatto direttamente con collezionisti ai quali proponevano e vendevano le tele, tutte accompagnate da certificati di autenticità, anch'essi naturalmente falsi.

Da qui i tre arresti, per ricettazione e commercializzazione di opere false  nonché la denuncia per altre 12 persone coinvolte a vario titolo. Il valore commerciale di tutte le opere sequestrate, che in parte dovevano ancora essere messe sul mercato come autentiche, si aggira, secondo una stima dei carabinieri, intorno ai 2 milioni di euro.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi De Chirico e Schifano: 80 quadri sequestrati e 3 persone arrestate

RomaToday è in caricamento