rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Malagrotta

Valle Galeria, la battaglia dei cittadini contro gli 'odori nauseabondi' arriva in Procura

I Cittadini liberi della Valle Galeria fanno sapere che è pronto un esposto. Questa notte tour per verificare la situazione insieme al presidente del XI municipio Maurizio Veloccia

Continua la battaglia dei cittadini della Valle Galeria contro gli odori nauseabondi notturni. Dopo l'incontro con l'assessore comunale all'Ambiente Estella Marino, è stata la volta del presidente del Xi municipio, Maurizio Veloccia, che questa notte insieme ai cittadini ha fatto un giro tra i quartieri 'colpiti' dalla puzza. Con lui anche l'assessore municipale all'Ambiente Manuele Marcozzi e i consiglieri Daniele Calzetta e Valerio Garipoli. 

La denuncia dei Cittadini Liberi della Valle Galeria è inoltre pronta a sbarcare in Procura. “Verrà presentato proprio in questi giorni un esposto dove denunciamo gli odori nauseabondi che di notte rendono l'aria dei nostri quartieri irrespirabile costringendo i cittadini a barricarsi in casa chiudendo le finestre per evitare malori, nausee, vomito, difficoltà respiratorie, bruciore alla gola, lacrimazione degli occhi, mal di testa e svenimenti” spiega Alessandro Costantini Pacilli. 

Nell'esposto “abbiamo raccolto una serie di fatti precisi e circostanziati che ci fanno suporre che una possibile causa di questo disagio possa essere l'attività dell'inceneritore per rifiuti ospedalieri dell'Ama” spiega. Per esempio, i cittadini hanno notato “che l'odore si sente nei quartieri che si trovano dopo l'impianto lungo la traiettoria del vento che di notte soffia dalla Capitale verso il mare”. 

Esclusa per il momento dalla rosa delle cause la vicina raffineria: “Abbiamo fatto delle ispezioni notturne con un tecnico che ci ha portato in prossimità della struttura e l'odore ci è sembrato diverso da quello che avvertiamo tutte le notti”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valle Galeria, la battaglia dei cittadini contro gli 'odori nauseabondi' arriva in Procura

RomaToday è in caricamento