Cronaca Pigneto / Via l'Aquila

Pigneto, cittadini occupano via L'Aquila: "Fuori lo spaccio dal quartiere"

L'iniziativa simbolica è avvenuta al termine di un pranzo tutti insieme tra via Perugia e via Pesaro e un'assemblea pubblica sul tema. Avviata una raccolta firme

"Fuori lo spaccio dal Pigneto". È questa la richiesta che questo pomeriggio hanno portato in piazza gli abitanti del Pigneto stanchi di una situazione "ormai insostenibile". Dopo un pranzo insieme per strada, tra via Perugia e via Pesaro, e un'assemblea pubblica sul tema i cittadini hanno pacificamente occupato via L'Aquila chiedendo l'intervento del sindaco Marino e del Prefetto per bloccare un crescente spaccio di sostanze stupefacenti. 

Cittadini esasperati da un commercio di sostanze stupefacenti in crescita e da una presenza di pusher per le strade del quartiere ormai preoccupante. Da qui l'idea di riappropriarsi del Pigneto con l'occupazione simbolica della strada. Già in passato i residenti hanno messo in atto proteste del genere ma a giudicare dalla partecipazione e dall'eco che ha avuto, anche sui media, la manifestazione di oggi segna un punto di non ritorno. 

Dopo il pranzo in strada, già nel primo pomeriggio i residenti si sono riuniti in via Pesaro per un'assemblea improvvisata; l'aria è carica di tensione e ci si confronta anche duramente tra chi vorrebbe più controlli delle forze dell'ordine e chi invece pensa a soluzioni più blande. Su un punto però sono tutti d'accordo: il Pigneto è in mano al racket dello spaccio e dopo anni di lassismo la risposta delle autorità non è più procrastinabile. 

Pigneto: sit in contro lo spaccio - Foto Piccirilli/Twitter

Molte polemiche ha suscitato l'assenza delle istituzioni. A farsi vedere solo l'Assessore al decoro Giulia Pietroletti e il consigliere Pd Marco Carella. Nel tardo pomeriggio, e dopo che il caso è montato sui social network, sono intervenuti il vicepresidente del Municipio Stefano Veglianti e, telefonicamente, il vicesindaco di Roma Capitale Luigi Nieri.

Pietroletti ha ribadito che sul tema sicurezza il Municipio ha le mani legate, invitando però i residenti a cercare un confronto più serrato con il Comune: "Io credo molto in Marino - ha affermato l'Assessore - ma non posso negare che sulla questione sicurezza si sta esprimendo poco". La giornata si è conclusa con un'occupazione simbolica di via L'Aquila, chiusa per qualche minuto all'altezza di Piazzale Prenestino. I residenti hanno attivato anche una raccolta di firme per presentare un esposto alla Procura della Repubblica.

Il vicesindaco Luigi Nieri, intervenuto telefonicamente, ha invece assicurato che venerdì prossimo sarà presente ad un nuovo sit-in organizzato dai manifestanti. In serata Nieri si è fatto sentire anche con una nota stampa: "Oggi - scrive il vice di Marino - c’è stata una manifestazione di protesta al Pigneto, nei pressi del Cinema Aquila, un luogo simbolo che aveva segnato, pochi anni fa, la rinascita culturale del quartiere. Di recente, purtroppo, fra abbandono e inerzia dell’amministrazione, è cresciuto il degrado. I cittadini hanno voluto manifestare per richiamare l’attenzione su vicende delicate legate allo spaccio di droghe nel territorio.

"Ho sentito il Municipio attraverso l’assessore Veglianti che si è recato sul posto - ha concluso Nieri -. Abbiamo preso con i residenti l’impegno di affrontare insieme queste problematiche. Venerdì 4 ottobre, alle ore 18, parteciperò insieme al Municipio e ai cittadini all'incontro che si terrà nel quartiere. Discuteremo di tutte le questioni aperte. Intanto, già da domani mattina, lavoreremo anche con la Questura e la Prefettura per garantire la serenità dei residenti. Studieremo anche una serie di interventi necessari per la riqualificazione del quartiere, a cominciare dall’installazione di bagni chimici nella zona della movida e dal potenziamento dell’illuminazione pubblica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pigneto, cittadini occupano via L'Aquila: "Fuori lo spaccio dal quartiere"

RomaToday è in caricamento