rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Cronaca Centro Storico / Via Nazionale

G20 Roma: seduti su via Nazionale ed incatenati in Centro, azione di protesta degli attivisti per l'ambiente

Le azioni di protesta di Extinction Rebellion in via Nazionale, viale Ventiquattro Maggio e via IV Novembre

Una parte si è incatenata davanti i Mercati Traianei, mentre altri attivisti si sono invece seduti in terra bloccando momentaneamente la circolazione su via Nazionale. Ancora un azione di protesta non violenta da parte degli attivisti per l'ambiente di Extinction Rebellion Italia. Un'azione di disobbedienza civile per chiedere ai leader ed ai capi di Stato impegnati in questo blindato weekend romano nel summit del G20 alla Nuvola dell'Eur di invertire la rotta che sta determinando il disastro climatico ed ecologico. 

La protesta ha preso corpo domenica mattina in una Città Eterna blindata quando decine di attivisti si sono seduti su via Nazionale ed altri 5 su viale Ventiquattro Maggio, mentre fra largo Magnanapoli e via IV Novembre altri manifestanti si sono incatenati con i lucchetti alla cancellata dei Mercati di Traiano esponendo cartellli sui cambiamenti climatici. "I Governi hanno fallito", "Emergenza ecologica e climatica", "Crisi climatica ed ecologica", questi i messaggi che gli attivisti hanno esposto nel corso della protesta pacifica di domenica mattina. A vigilare su di loro, i Carabinieri del Nucleo Informativo di Roma e del Comando Roma piazza Venezia e la Polizia di Stato, in una manifestazione pacifica e non violenta dove non si sono registrate tensioni o criticità. 

Protesta attivisti ambiente (foto di Lorenzo Barrutta facebook Exctiion Rebel Italia)

A spiegare le motivazioni del blitz ambientalista gli stessi attivisti: "Bloccato il Centro di Roma. Da qualche minuto, un blocco del traffico sta paralizzando il centro di Roma, nella via tra Piazza Venezia e il Quirinale, mentre alcuni attivisti si sono incatenati alle inferriate del Foro di Traiano. In una città completamente blindata per il G20, un allarme risuona al centro della capitale.  Da Roma a Glasgow: i governi hanno fallito! Non un singolo paese del G20 è in linea con gli accordi di Parigi. Le emissioni climalteranti continuano a crescere, la temperatura media globale ad aumentare e le persone che saranno costrette ad abbandonare le loro terre nei prossimi anni saranno sempre di più. Quello che verrà deciso oggi a Roma, e a Glasgow nelle prossime settimane, condizionerà per sempre il futuro di dell’umanità e dell'intero pianeta".

Climate Camp Roma

Attivisti di Climate Camp Roma che anche sabato mattina, giorno di apertura del Summit del G20 a Roma, avevano inscenato una protesta non violenta simile, su via Cristoforo Colombo, all'altezza del ministero della Transizione Ecologica. Una cinquantina gli attivisti che intorno alle 8:00 si sono sdraiati sulla strada all'altezza del Ministero della Transizione Ecologica. Da qui l'intervento della polizia in tenuta antisommossa che ha spostato i manifestanti liberando la strada. Nessun problema di ordine pubblico. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

G20 Roma: seduti su via Nazionale ed incatenati in Centro, azione di protesta degli attivisti per l'ambiente

RomaToday è in caricamento