Carceri: situazione critica per i detenuti e la polizia penitenziaria

Gli agenti della Polizia penitenziaria hanno protestato davanti la sede del Dap per le loro difficili condizioni di lavoro. All'Istituto penitenziario di Rebibbia ci sono troppi detenuti e pochi agenti

Oggi davanti alla sede del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) alcuni agenti della Polizia Penitenziaria del sindacato Sappe hanno dato vita ad un sit-in. Alla base della loro protesta ci sono le difficili condizioni in cui si trovano a dover lavorare.
"Tutti in piazza contro quella nomenclatura e quella dirigenza dell'Amministrazione penitenziaria che - sottolinea Donato Capece, segretario generale del Sappe - da vent'anni ostacola ogni evoluzione ed accrescimento professionale della Polizia penitenziaria e quindi condiziona l'operato di tutti i capi Dipartimento che fino ad oggi si sono avvicendati alla guida del Dap".

Il sindacato precisa:  "I burocrati hanno boicottato e boicottano subdolamente e costantemente una non più rinviabile, adeguata e funzionale organizzazione del Corpo di Polizia penitenziaria e l'istituzione della Direzione generale del Corpo, in seno al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, indispensabile e necessaria per raggruppare tutte le attività ed i servizi demandati alla quarta Forza di Polizia del Paese".

Nonostante il momento di grave crisi economica sia il Dap che il Ministro Alfano stanno cercando di risollevare la situazione. Questo è quanto ha lasciato intendere il Capo del Dap Franco Ionta che ha ricevuto una delegazione del sindacato: "Stiamo lavorando per ottenere significativi risultati come la realizzazione di circa 50 nuovi padiglioni detentivi, l'avvio delle procedure per le gare di una ventina di nuovi istituti penitenziari e l'assunzione di nuovi agenti di Polizia penitenziaria".

Le parole di Ionta non sono condivise dal presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, e dalla senatrice Giuliana Carlino: "La carenza di agenti di polizia penitenziaria, a fronte di una popolazione di detenuti che è destinata inevitabilmente a crescere, è questione nota ma nel carcere femminile di Rebibbia il problema sta diventando una vera e propria bomba ad orologeria e il ministro Alfano fa orecchie da mercante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione nel carcere romano non è per niente confortante: "A fronte di 382 detenute e 12 minori di 3 anni, la capienza è di 274 posti, ci sono solo 117 agenti su 164 previsti. Di questi solo 45 idonei ai turni notturni. La situazione è addirittura peggiore per gli ispettori, solo 9 operanti su una previsione di 17 e solo 2 idonei al lavoro di notte. Di fronte a questi numeri - proseguono i due senatori dell'Idv - è illusorio pensare che tutto sia superabile con un ulteriore sforzo del personale penitenziario. Per questo abbiamo chiesto ad Alfano, nella nostra interrogazione, di stanziare i fondi necessari per completare l'organico degli operatori, compresi psicologi, puericultrici ed educatori, così come previsto dalla pianta organica. Sarebbe opportuno - concludono Belisario e Carlino - che il ministro convocasse un tavolo con i lavoratori al fine di un confronto concreto sulle problematiche del carcere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Scuola, nel Lazio il rientro è a ingressi scaglionati: ecco le fasce orarie

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento