rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

"Il primo maggio non si lavora". Ed Eataly diventa il bersaglio delle proteste

Contro il job acts e la precarietà, ma anche contro i turni di lavoro anche nel giorno dei lavoratori. Il centro commerciale della stazione Ostiense diventa simbolo della protesta

Tutti contro Eataly. Nel primo "Primo maggio" dell'era Renzi, il supermercato di Farinetti diventa il simbolo delle proteste contro Job Act, precarietà e contro i turni di lavoro anche nei giorni dedicati al riposo. E' il cosidetto #mayday davanti al centro commerciale della stazione Ostiense. Striscioni, volantinaggio, corteo, adesivi tutto per protestare contro la situazione del lavoro in Italia.

 

Spiega in una nota il segretario della federazione giovani comunisti: "Eataly è la catena alimentare fondata da Farinetti, che fa dell’eccellenza italiana la sua forza. Ma il vero motivo per cui si contraddistingue il “made in eataly” è la precarietà sul lavoro, portata a livelli esasperati, con salari bassi e alto sfruttamento dei lavoratori, sottoposti perfino a controlli all’uscita dal lavoro. Il nuovo modello d’impresa tanto caro al centrosinistra italiano, altro non è che la riproposizione dei vecchi metodi del capitalismo da sfruttamento, cancellando le conquiste dei lavoratori ottenute con la lotta nel secolo scorso. Nel volantino abbiamo rappresentato Farinetti come un vecchio capitalista con la pancia e il cilindro, che ingrassa sulle spalle dei suoi lavoratori. Ad Eataly si lavora anche il primo maggio  e i lavoratori, hanno ben poco da festeggiare"

"Eataly", ha dichiarato Lorenzo Lang, vicesegretario FGC, presente all’iniziativa "è uno dei luoghi di lavoro da cui iniziamo la campagna di mobilitazione del Fronte della Gioventù Comunista contro la precarietà e la disoccupazione. Una campagna che prevede in tutto il paese la massima mobilitazione dei nostri militanti per tornare sui luoghi di lavoro e organizzare la lotta dei lavoratori. Al Jobs Act di Renzi contrapponiamo l’idea di un salario minimo garantito che permetta un’esistenza dignitosa ed abbia natura intercategoriale e la cancellazione delle leggi Treu, Biagi e Fornero sulla precarietà del lavoro. Iniziamo il primo maggio per ricordare che solamente con la lotta i lavoratori potranno conquistare i propri diritti. Un messaggio importante al giorno d’oggi, che rimette al centro il conflitto di classe e la necessità di lanciare un contrattacco, anche contro quella sinistra che si è fatta portatrice principale degli interessi dei padroni, come Farinetti.» Non si tratta dell’unica iniziativa promossa a Roma. Per Riccardo Beschi, segretario romano FGC «nelle prossime ore continueremo azioni simili nei luoghi di lavoro aperti nella festività del primo maggio e nei prossimi giorni altri luoghi di lavoro saranno interessati dalla campagna sul lavoro, per contrastare la politica del governo e informare i giovani lavoratori sulla reale natura del Jobs Act e delle riforme targate Renzi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il primo maggio non si lavora". Ed Eataly diventa il bersaglio delle proteste

RomaToday è in caricamento