Cronaca Via della Magliana

Canili, lavoratori Muratella bloccano via Magliana: "Da domani disoccupati"

Contro i licenziamenti e la dismissione della struttura prevista dal 1 maggio. "Non ce ne andremo da qui fino a quando non incontreremo Tronca". Sul posto un cordone di poliziotti in tenuta antisommossa

Da assemblea a protesta che ha bloccato via della Magliana, con tanto di cordone di Polizia in tenuta antisommossa. I lavoratori del canile Muratella sono scesi in strada questa mattina contro la dismissione della struttura voluta dal prefetto Tronca. "Da domani saremo senza lavoro" hanno urlato bloccando il traffico, davanti agli agenti schierati per impedire disordini. "Non ce ne andremo da qui fino a quando non incontreremo Tronca".

Già, è questione di ore e i locali che per anni hanno ospitato e accolto centinaia di cani verranno svuotati. La decisione è arrivata a seguito del bando indetto dal Campidoglio l'affidamento dell'appalto del servizio di gestione dei due canili comunali quello appunto della Muratella e di Ponte Marconi. 

Una storia che va avanti da mesi, con un braccio di ferro continuo tra amministrazione, intenzionata ad affidare il servizio tramite gara a evidenza pubblica, e animalisti delle associazioni (Avcpp e L'Impronta Onlus), in disaccordo con i termini del bando e in protesta per salvare almeno i posti di lavoro. 

L'amministrazione ha voluto sanare una posizione che anche l'Anac di Cantone ha già giudicato illegittima con un'istruttoria inviata a Roma Capitale dove si parla di anni di "violazione dei principi di libera concorrenza" riguardo alla proroga dell'affidamento del servizio canili ai due soggetti, con "sistematico improprio ricorso all'affidamento diretto" senza gare.

"Chiediamo un incontro immediato con il Prefetto Gabrielli e il commissario Tronca - spiegano gli organizzatori - chiediamo alla prefettura di fermare il tritacarne messo in moto dall'amministrazione comunale sin dall'agosto scorso che ha già prodotto 27 licenziamenti e che da domani vedrà altri 93 operatori essere messi alla porta. Chiediamo il commissariamento del servizio e la tutela dei livelli occupazionali e salariali. Chiediamo che siano rispettati gli animali ospitati nelle strutture attraverso l erogazione di un servizio dignitoso".

Solidarietà ai lavoratori arriva subito tramite social network da Gianluca Peciola, esponente di Sel, che ha partecipato questa mattina alla conferenza stampa al canile. "Pieno sostegno a lavoratori canile #Muratella - scrive su Twitter - in protesta contro possibili licenziamenti. Prefetto e Commissario ascoltino loro ragioni". 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canili, lavoratori Muratella bloccano via Magliana: "Da domani disoccupati"

RomaToday è in caricamento