Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Protesta al Festival di Roma: Action in presidio

Manifestazione di Action al Festival del Cinema di Roma. 300 persone in protesta per il diritto alla casa hanno presidiato l'auditorium. Chiusi i cancelli per evitare problemi

Il Festival del cinema di Roma, ancora una volta, ha visto il suo red carpet insidiato dai problemi e dalle proteste della città che scelgono il luogo di massima esposizione mediatica per far vedere e sentire a tutti le proprie richieste. Così l'Auditorium si è tramutato nella location della protesta per il diritto alla casa e all'occupazione da parte di 300 persone di Action.

La polizia antisommossa ha chiuso i cancelli per sicurezza mentre questo gruppo di giovani scandisce slogan per salari dignitosi, garanzie occupazionali e diritto alla casa. Ci sono striscioni con scritte frase come 'Più case, meno caserme e la nostra vita non è un film. Roma capitale della crisi.

La sicurezza del Festival di Roma ha chiuso i cancelli davanti al tappeto rosso per evitare che i manifestanti arrivassero dentro l'Auditorium. "Siamo ragazzi appartenenti a varie organizzazioni e centri sociali - spiega una delle manifestanti, Daniela - La richiesta principale che ci ha portato qui è quella per la casa, ad affitti più bassi, vista la crisi e soluzioni più umane in caso di morosità".

La protesta è andata avanti con operatori e fotografi attaccati ai cancelli per riprendere quello che succede, mentre i manifestanti hanno urlato slogan contro il Governo e Berlusconi, davanti a una barriera di poliziotti che gli ha impedisce di avanzare.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta al Festival di Roma: Action in presidio

RomaToday è in caricamento