Ostia: processo a clan Spada, prima condanna per mafia a esponente della famiglia

Condanne per Massimiliano Spada e Massimo Massimiani detto Lelli e Claudio Galatioto. La sindaca Raggi: "Complimenti a tribunale e forze dell'ordine per la condanna per mafia"

Una immagine del blitz dell'operazione Eclissi

Associazione di stampo mafioso. Per questa accusa il gup del tribunale di Roma, Corrado Cappiello, ha inflitto in abbreviato tre condanne ad altrettanti esponenti del cosiddetto clan Spada di Ostia. Le pene decise sono 10 anni ed 8 mesi per Massimiliano Spada e Massimo Massimiani detto Lelli, 9 anni per Claudio Galatioto. 

I tre erano finiti in carcere nell'ambito del blitz dell'operazione Eclissi del 25 gennaio che portò all’arresto di 32 esponenti, 27 dei quali sono attualmente sotto processo nell'aula bunker di Rebibbia (qui i nomi di tutti gli arrestati). Ai fini della condanna di Spada, Massimiani e Galatioto sono state decisive anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia che hanno consentito, di fatto, al pm Mario Palazzi di ricostruire gli ultimi dieci anni dell'organizzazione che, sempre secondo i magistrati della Dda, sul litorale romano ha preso il posto che fu delle famiglie Triassi e Fasciani messi in ginocchio dalle operazioni Nuova Alba e Tramonto.

In base alle originali imputazioni Massimiliano Spada avrebbe partecipato all'associazione mafiosa operando in particolar modo nel settore "armi, stupefacenti e intimidazioni", Massimiani, che faceva parte del clan perdente dei Baficchio "esercitava funzioni di supporto nell'esercizio della violenza e nel settore della droga", mentre Galatioto era deputato al "controllo della sale giochi per conto dell'organizzazione".

Eclissi sul trono di Spada

Il 4 ottobre dello scorso anno, si ricorda, nel processo legato all'estorsione delle case popolari, il tribunale capitolino aveva già condannato, riconoscendo però "solo" l'aggravante del metodo mafioso, tra gli altri, Massimiliano Spada a 13 anni e 8 mesi di carcere e Massimiani a 11 anni. Aggrevante del metodo mafioso che fu riconosciuta a anche a Roberto Spada.

"Complimenti a tribunale e forze dell'ordine per la condanna per mafia agli esponenti del clan Spada", ha commentato la sindaca di Roma Virginia Raggi su Twitter.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento