Processo Casamonica, parla il pentito: "Si sono fatti strada recuperando crediti per Banda della Magliana"

Le parole del collaboratore di giustizia nel maxiprocesso che vede imputate 44 persone appartenenti al clan criminale

I Casamonica si sono fatti strada recuperando crediti per conto della Banda della Magliana. Vittorio, lo chiamavano il re, e dopo essere scesi dall'Abruzzo avevano preso contatti con la banda della Magliana". Lo ha detto il collaboratore di giustizia Massimiliano Fazzari nel maxiprocesso al clan dei Casamonica che vede 44 imputati con accuse che vanno dall'associazione mafiosa dedita al traffico e allo spaccio di droga, all'estorsione, l'usura e detenzione illegale di armi. 

"Il loro quartier generale, come lo chiamavano loro, era la Romanina - ha aggiunto il pentito- ma la loro area andava da Porta Furba a Tuscolana, ma anche Centocelle".

Al processo contro la famiglia sinti operante nell'area di Roma sud si è arrivati dopo l'indagine 'Gramigna' e "Gramigna bis", coordinata dal procuratore facente funzioni Michele Prestipino e dal pm Giovanni Musarò. "I Casamonica - ha detto ancora il collaboratore di giustizia che in una precedente audizione raccontò di essere stato minacciato di essere sciolto nell'acido - si definivano mafiosi, parlando in strada a Porta Furba dicevano 'abbiamo le regole come i calabresi, siamo come gli 'ndranghetisti che hanno regole". 

Chi sono i Casamonica: tutto sul clan 

La Famiglia di origini sinti con il passare degli anni aveva acquisito una sua importante caratura criminale in città: "A Roma nessuno si mette contro i Casamonica, c'è qualche gruppo che potrebbe fronteggiarli ma preferiscono accordarsi con loro, nessuno ci si mette contro, sono tanti, se tu vai in 6 loro tornano in 20", ha detto ancora il pentito al maxiprocesso contro i Casamonica. 

"Quando abbiamo iniziato a non pagare gli interessi per un prestito sono iniziate le minacce, che arrivavano da Massimiliano Casamonica. C'era il timore che potesse accadere qualcosa e ci siamo allontanati da Roma - ha aggiunto Fazzari -. Ho anche pensato di scendere in Calabria per risolvere il problema in maniera diversa, ovvero far intervenire i miei cugini o qualche amico appartenente alla 'Ndrangheta. In passato avevo incontrato con mio cugino il fratello di 'tiradritto' dei Morabito, ad Africo, ed avrei potuto rivolgermi anche a loro". "I Casamonica si vantavano di poter fare affidamento su molte persone - ha aggiunto il collaboratore di giustizia - dicevano che potevano rompere il cu.. a tutti".

Il pentito spiega poi come i Casamonica abbiano fatto dell'usura uno dei loro cavalli di battaglia: "I Casamonica offrono prestiti, di solito chiedono il 20%, a me il 10% perché ero amico, si pattuisce il tempo per restituire il 20% mensilmente che sono solo gli interessi, puoi pagare anche per 10-20 anni finché non hai consegnato tutto il capitale, se salti un mese gli interessi aumentano, fanno come vogliono, lì poi sono botte, se hai un locale ti levano il locale, se hai una causati levano casa". 

"Per il rientro nel 'vicolo' di 'Simone' Casamonica dopo la scarcerazione ci fu un'accoglienza stile Gomorra tra applausi e clacson suonati. Come il rientro di un boss dalla galera". "Io ero sul balcone e i clacson si sentivano ancora prima che imboccassero il vicolo quando erano ancora sulla Tuscolana - ha raccontato ancora il pentito -. Ad eccezione di chi era in carcere quel giorno c'erano tutti quelli che abitavano nel vicolo. E' stato accolto come un eroe".

"Io ho ricevuto minacce, 'se non porti 'sti soldi finisce male' mi dicevano. Massimiliano una volta mi disse 'l'amicizia è amicizia, i soldi sono soldi'" ha concluso il collaboratore di giustizia rispondendo alle domande del pm Giovanni Musarò

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

  • Un uomo li truffa, loro reagiscono: lo sequestrano e lo pestano riducendolo in fin di vita

Torna su
RomaToday è in caricamento